Attualità

Incendio Marina Torch a Dubai: nessun ferito

Un nuovo rogo è divampato poco prima della mezzanotte, ora italiana nel Marina Torch di Dubai. Tramite i social il Dubai Media office tiene a far sapere che le operazioni di evacuazione della Torch Tower si sono svolte scongiurando incidenti e feriti.

Marina Torch: Cosa è accaduto stanotte

Stando ai primi dettagli sulla dinamica del rogo, lo stesso sarebbe appunto divampato in quello che è l’apparato residenziale più alto al mondo poco prima della mezzanotte. L’edificio, davvero imponente, ospita all’incirca 500 appartamenti, fra i più lussuosi del circondario. Le fiamme si sarebbero propagate nel giro di una manciata di minuti, avvolgendo completamente la struttura. Uno spettacolo impressionante, visibile -dalle prime testimonianze-  anche a centinaia di metri di distanza, così come da coloro che affollavano le strade sottostanti in quei frangenti.

E’ importante ricordare che il 21 febbraio 2015 l’edificio era stato già interessato da un incendio divampato al cinquantunesimo piano ed estesosi fino al settantesimo, alimentato dal forte vento. E fu solo grazie all’arrivo tempestivo dei soccorsi, nonché alla rapida evacuazione della struttura, se l’incendio non causò vittime. Questa volta però in strada la paura si è fatta sentire, poiché i detriti incendiari hanno cominciato la propria discesa in picchiata dall’edificio in fiamme. In molti hanno trasmesso sui vari Social video del rogo divampato.

Le cause alla base dell’attuale rogo sono ancora da accertare: sul posto sono giunte numerose squadre dei vigili del fuoco e delle forze dell’ordine, che hanno prontamente provveduto alla chiusura delle strade considerate a rischio, nonché ad evacuare in primis tutti gli appartamenti e le attività commerciali al suo interno per scongiurare la tragedia.

Il nuovo incendio dunque pone l’interrogativo sulla reale utilità di verticalizzare così tanto le edificazioni negli Emirati Arabi, spesso atti più a stupire per l’opulenza del design che a rispettare le regolamentazioni edilizie. Sotto accusa ci sarebbero i pannelli di costruzione laterali, in poliuretano e alluminio. Proprio gli Emirati Arabi, a tal proposito prevedono di rivedere le leggi in materia edilizia per impedire che possa ripresentarsi qui o altrove il problema.

Focus sul Marina Torch, wiki e curiosità

Quando si parla della Torch Tower è impossibile non parlare del quartiere di Dubai Marina. Cuore del distretto della nuova Dubai è un’arteria di modernità che si snoda fra eleganti golf club, centri commerciali di lusso, viali ad ampio respiro; qui si susseguono, in rapida visione ristoranti fra i più rinomati, fra cui parecchi italiani, yacht club e centri benessere, senza contare anche un nutrito gruppo di negozi d’alta moda. Una moltitudine di grattacieli specchiati e dalle forme svettanti attira a buon diritto sia gli abitanti facoltosi di zona che i turisti, desiderosi di “respirare” almeno per una giornata l’opulenza dei “nuovi Emirati”.

Il futuristico skyline del distretto di Dubai Marina visto dalla strada

Non deve sorprendere dunque se la Torch Tower sia stata edificata con il chiaro intento di detenere, monopolizzandolo, il titolo di più alto grattacielo residenziale del mondo.

Il progetto originale prevedeva un edificio di 74 piani, più 3 interrati; un podio di 4 piani sarebbe stato esteso su un’area di 111mila metri quadrati.  Allo stato attuale, comunque l’edificio ospita circa 500 appartamenti. I tre piani interrati e una parte del podio assolvono alla funzione di posteggio auto; al quinto e sesto piano troviamo una piscina, una caffetteria, una palestra, un centro benessere ed una terrazza panoramica.

A rendere “appetibile” un investimento immobiliare nella Torch Tower, però è la presenza di 676 appartamenti, dai prezzi a dir poco stratosferici. La cosa non deve sorprenderci, considerata l’indubbia splendida vista che ogni appartamento offrirà sul distretto di Dubai Marina e su Dubai stessa. Per darvi un’idea di quanto sia “costoso” abitare qui, è sufficiente farvi sapere che un appartamento con due camere da letto arriva a costare anche più di mezzo milione di dollari.

 

 

Tag

Viviana Angeletti

Laureata in Belle Arti, Dipartimento di Arti Visive ha scelto di fare della Decorazione Artistica, in ogni forma la sua vita. Pugliese di nascita, spezzina d’adozione ha sempre un nuovo libro con sé; ama i viaggi, la fotografia, il buon cibo e predilige i film storici. Freelance Editor per Newsly.it e NailsArt.it scrive per dare voce alle idee, per lasciare che si concretizzino e possano dare nuova forma e sostanza al mondo che la circonda.
Back to top button
Close
Close