Esplosione cisterna in Via Salaria a Rieti: 2 morti e 17 feriti

Tra le vittime, un vigile del fuoco.

esplosione Salaria

Due morti e 17 feriti: è questo il triste bilancio dell’incidente avvenuto questo pomeriggio in Via Salaria, al chilometro 39, in prossimità di Borgo Quinzio, in provincia di Rieti, poco distante da Passo Corese.

L’incendio sarebbe partito da un’autocisterna che in quel momento stava scaricando del carburante. Le vittime sono un vigile del fuoco, Stefano Colasanti, di 50 anni, che era in servizio ma diretto a Roma e si è fermato quando ha visto l’incendio per aiutare le persone coinvolte, e un uomo che al momento dell’esplosione dell’autocisterna di Gpl si trovava nelle vicinanze del distributore.

Delle persone rimaste ferite 3 sono state portate all’ospedale di Monterotondo, 5 all’ospedale di Rieti, il resto a Roma: 4 al Sant’Andrea, 5 in codice rosso al Sant’Eugenio e 2 al Policlinico Gemelli. Tutti hanno riportato ustioni e traumi da scoppio.

Incendio salaria: paura tra i residenti

L’esplosione è stata talmente violenta che l’autocisterna ed il mezzo dei vigili del fuoco sono stati sbalzati per una decina di metri, finendo in una strada adiacente al distributore. Una delle vittime è stata trovata morta in un’auto che ha preso fuoco e che si trovava in questa strada.

“Un boato enorme, mai sentita una cosa così, sembra il terremoto”, hanno raccontato alcuni residenti.

Il vigile del fuoco coinvolto nell’incendio, Stefano Colasanti, era in servizio ma diretto a Roma. L’uomo si è fermato per lanciare l’allarme e aiutare le persone coinvolte. Le fiamme nel frattempo avevano fatto alzare la temperatura e trasformato il liquido in gas. L’esplosione, violentissima, si è verificata poco dopo l’arrivo della squadra dei vigili del fuoco da Poggio Mirteto