Attualità

Festa dei morti 2 Novembre: Storia e significato

Uno dei giorni interessanti dal punto di vista religioso è sicuramente il 2 Novembre. Questo perché nella giornata del 2 novembre, la chiesa ricorda i defunti e perché lo fa ? I defunti sono coloro che ci hanno preceduto addormentandosi così nella speranza della fede ricordandoci di pregare per loro. L’idea di commemorare i defunti risale al IX secolo quando un abate dell’Abbazia di Cluny, decise di commemorare i defunti, dedicando loro un giorno vero e proprio, quell’abate si chiamava Sant’Odilone. La commemorazione dei defunti è in concomitanza con la Festa di Ognissanti, celebrata il di Novembre.

La storia

Il “commemorare” i defunti, in realtà ha origini ben più antiche, infatti già Sant’Agostino indicava ai fedeli, di pregare per i defunti non soltanto il giorno del loro anniversario ma anche al di fuori di quella giornata. Più avanti sarà Amalario a continuare sulla scia di Agostino fino ad arrivare a Sant’Odilone di Cluny.

Quest’ultimo a seguito della riforma di Cluny, stabilì che il giorno 1° novembre dopo il vespro, fossero fatti suonare alcuni rintocchi di campane proprio per celebrare i defunti. Inoltre, il giorno del 2 di novembre, la santa messa era offerta in memoria delle “pro requie omnium defunctorum” , ovvero per le anime di tutti i defunti. A seguito di ciò, il rito venne esteso a tutta la chiesa cattolica.

Il significato

La chiesa, nei confronti dei defunti ha sempre avuto un occhio di riguardo poiché essi sono coloro che ci hanno preceduto e si sono addormentati nella “speranza” della resurrezione. Il tutto nasce dalla Bibbia, nel libro di Giobbe infatti quest’ultimo così esclama: “Io so che il mio redentore è vivo e che, ultimo, si ergerà sulla polvere”. Cosa vuol dire ? Il significato traspare proprio da queste parole, infatti l’uomo durante il trapasso, si sofferma sulla quella tenebra che è proprio la morte per giungere infine alla visone di Dio, per tal motivo il destino finale dell’uomo non è la dissoluzione in polvere. Per tal motivo, i “vivi” pregano per i proprio defunti nella speranza un giorno di poterli abbracciare nuovamente.

I “Pupi ri Zuccaru”

I riti e le feste

In Italia sono diversi questa festività è abbastanza sentita, specialmente nel sud della penisola. Diversi sono infatti i riti ma soprattutto le tradizioni, si va dal portare i fiori nei cimiteri fino alla produzione di dolci tipici per questa giornata particolare. In Sicilia ad esempio, Palermo in particolar modo, si festeggia la giornata visitando si i cimiteri e partecipando alle funzioni religiose, ma ad esempio ai bambini vengono regalati dei doni. In cosa consistono questi doni ? Semplicemente in dolci tipici della tradizione come ad esempio la “Frutta Martorana” e i “Pupi ri Zuccaru” ovvero delle sculture di personaggi creati con lo zucchero, per la gioia dei più piccoli, ma spesso anche dei grandi.

Tag

Giovanni Azzara

Studente in Teologia, appassionato di tutto ciò che riguarda la storia, in particolare quella della Chiesa e anche di giornalismo. Sognatore e visionario, speaker radiofonico e amante dell'arte in generale. Il mio sogno ? Diventare vaticanista! Twitter: @Azzarag91

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close