Iliad fa pubblicità ingannevole?

Il Gran Giurì della pubblicità e Codacons trovano incongruenze nell’offerta della compagnia francese.

iliad-telefonia-mobile

Il Gran Giurì della pubblicità ha deciso di condannare la rete francese, Iliad, appena entrata nel mercato della telefonia mobile italiana, per pubblicità ingannevole. La causa di questa condanna starebbe in una denuncia esposta da Tim e Vodafone. Stando a quanto riportato nella denuncia delle due multinazionali della telefonia, la frase “30 Giga in 4G+, minuti ed SMS illimitati a 5,99 € al mese. Per sempre. E per davvero” prometterebbe attualmente una copertura 4G+ generalizzata che la stessa Iliad, appoggiandosi a Wind, non sarebbe in grado di fornire realmente ai suoi utenti. Inoltre non sono ben evidenziati i costi di attivazione, previsti dalla compagnia, ed i limiti in caso di utilizzo delle reti europee.

Anche il Codacons non sembra convinto di questa offerta e avrebbe trovato qualche incongruenza. Questa volta, però, è il prezzo di 5,99 €, che viene promesso “per sempre” a finire sotto la lente d’ingrandimento. L’incertezza stavolta sarebbe stata riscontrata nelle condizioni di contratto: ovvero non esiste, nello stesso, una clausola esplicita che avvalora questa affermazione. Anzi, è esattamente il contrario, infatti nel contratto viene evidenziato esplicitamente il fatto che Iliad stessa si può riservare il diritto di modificare la tariffa.

iliad-offerta-italia

Dal canto suo la compagnia francese Iliad ha già risposto alle accuse con un comunicato:

Rispetto a quanto emerso in seguito al procedimento avviato da alcuni competitor relativo alla nostra campagna pubblicitaria, desideriamo innanzitutto sottolineare che i messaggi sostanziali che la caratterizzano sono stati verificati e accolti come trasparenti e corretti.

Sarà ovviamente nostra premura rendere alcuni degli aspetti legati alle modalità di comunicazione dell’offerta ulteriormente chiari, oltre quanto già indicato nei nostri canali. Nonostante le incredibili azioni che i competitor continuano a mettere in atto da quando siamo entrati sul mercato, ci sembra opportuno cogliere queste occasioni come possibilità per chiarire ancora ai nostri utenti che agiamo in trasparenza e in un’ottica di totale soddisfazione degli stessi”.

Pubblicato da Davide D'Aiuto

Laureato in Scienze dell'Informazione editoriale, pubblica e sociale, amo scrivere più di qualunque altra cosa al mondo. Il giornalismo è la mia vita. Quando non scrivo viaggio e scatto fotografie perché adoro scoprire il mondo e leggerlo come un libro.

Sacra Sindone

Sindone: nuovi dubbi, alcune macchie di sangue sembrano “false”

Agricola Grains, Prodotti Bio a Report su Rai 3 (10 ottobre)

Una nuova infrastruttura informatica e di comunicazione per Finchimica S.p.A