In Arabia Saudita l’abito nero femminile non è più d’obbligo

Viene meno l’obbligo per le donne di vestirsi di nero in Arabia Saudita.

Donne Arabia Saudita

Si chiama “abaya” ed è l’abito nero che le donne arabe indossano per “tradizione” oltre che per legge. Ora non è più obbligatorio.

‹‹ La Sharia non richiede un abito nero, ma chiede alle donne di vestire in modo pudico e rispettoso, deve essere una loro decisione scegliere come farlo ›› queste le parole del principe ereditario saudita Mohammed Bin Salman che, a 32 anni e in soli 9 mesi di governo, è già diventato una delle figure arabe più influenti di sempre.

Sebbene sia favorevole a proseguire nella sanguinosa guerra contro lo Yemen, per quanto riguarda le riforme interne Mohammed Bin Salman è quasi considerato un rivoluzionario. Dopo 40 anni di regime oppressivo, di cui anche la sua generazione è stata vittima, lo scopo del principe è riportare l’Arabia Saudita ad essere uno stato moderno, portabandiera dell’Islam moderato.

Donna Arabia

D’altronde i cambiamenti di cui parla sono già ben visibili: ha riaperto i cinema, ha reso più facile per le donne aprire aziende ed imprese, diventare militari, assistere a concerti ed ha restituito loro il permesso di guidare.

Quella della non obbligatorietà dell’abaya è quindi il nuovo passo per creare una parità tra generi, in cui lui crede ciecamente. In una recente intervista rilasciata alla CBS, la famosa emittente americana, alla domanda di un giornalista ‹‹ quindi secondo lei le donne sono uguali agli uomini? ›› Mohammed Bin Salman risponde con una visione ben diversa da quella di chi, prima di lui, ha governato l’Arabia Saudita ‹‹ si, siamo tutti esseri umani e non ci deve essere alcuna differenza ››.

Il principe ha poi proseguito spiegando che nel tempo sono stati tolti molti diritti alle donne saudite e che ad oggi non li hanno ancora riaquistati tutti, ed è questo uno degli obiettivi del suo governo ‹‹ abbiamo già fatto tanto, e ancora dobbiamo fare. Ora la polizia religiosa non potrà più arrestarle per violazioni formali. Le leggi della Sharia sono chiare, le donne, così come gli uomini devono indossare abiti pudici e rispettosi, ma non si specifica se debbano indossare un abaya nero, un abito nero o un velo nero. La decisione spetta a loro ››

Mohammed Bin Salman è un moderato, come l’Arabia Saudita che sogna di creare, e condanna anche l’estremismo sociale ‹‹ nel nostro paese abbiamo persone con una visione estremista del rapporto tra uomo e donna. Alcuni non sanno distinguere tra una coppia appartata e in atteggiamenti intimi e due persone di sesso differente che lavorano spalla a spalla su luogo di lavoro. Queste idee contraddicono lo stile di vita di cui il Profeta ha parlato. Quello deve essere il modello e l’esempio ››.