Incontro Russia-Giappone: Putin e Abe a Mosca

Il premier giapponese Shinzo Abe a Mosca per incontrare Vladimir Putin. Sul tavolo la disputa delle isole Curili e la crisi coreana.

Putin in Siria:

Il presidente russo Vladimir Putin ha ricevuto ieri a Mosca il premier giapponese Shinzo Abe. Al centro della discussione, la spinosa questione delle isole Curili e la situazione della penisola coreana. Occupate dall’URSS al termine della Seconda Guerra Mondiale e rivendicate ancora oggi dal Giappone, le isole Curili costituiscono un nodo irrisolto tra Mosca e Tokyo, impedendo ormai da troppi anni la firma di un trattato di pace.

Il Ministro Abe aveva già a provato a ricucire i rapporti, invitando il leader del Cremlino a trovare un accordo. Putin, da parte sua, aveva accettato la proposta del Primo Ministro di recarsi a Yamaguchi nel mese di dicembre, riuscendo a concludere una serie di accordi politici ed economici rivelatisi infine più vantaggiosi per la Russia che per il Giappone. Il premier giapponese è poi tornato sull’argomento a più riprese, finché ieri non si è ripresentata l’occasione.

Proprio all’inizio del confronto, il presidente Vladimir Putin si è detto soddisfatto del “passo in avanti” compiuto nelle relazioni tra i due paesi, aggiungendo che “il progresso fatto è tangibile”. Nel corso della conferenza stampa ha dichiarato che la situazione della penisola coreana “ha subito un serio peggioramento” e ha inoltre ribadito, quale obiettivo comune, la necessità di riprendere le trattative del tavolo a 6 (USA, Cina, Giappone, Russia e le due Coree) al fine di allentare le tensioni con la Corea del Nord.