N’drangheta, una pizzeria di New York la base del narcotraffico

N'drangheta, una pizzeria di New York la base del narcotraffico

Una piccola pizzeria nel Queen’s era in realtà la base operativa di una delle più grandi organizzazioni dedite al traffico di cocaina negli Usa e nel mondo. Come sempre a farla da padrona la n’drangheta, oramai da anni regina indiscussa del narcotraffico internazionale, che aveva mandato a New York il proprio uomo di fiducia Gregorio Gigliotti, originario della provincia di Catanzaro, legato ai potentissimi clan di Siderno e Gioiosa Jonica, con la copertura della pizzeria.

L’uomo, con l’aiuto della moglie e del figlio anche loro finiti in carcere, gestiva il grande traffico tra il Sud America e gli Usa, contando poi sull’aiuto di referenti in Spagna, Italia e Olanda per veicolare la cocaina fino in Europa.

Importantissima per L’Fbi la scoperta di questa centrale del narcotraffico, non tanto per il numero di soggetti coinvolti quanto perché contribuisce a la rimappatura del mercato della droga, sono infatti ad oggi i calabresi ad avere in mano la gestione del narcotraffico scalzando nel ruolo di leader le cosche siciliane.