Rapina sull’autostrada Avellino-Salerno: svolta nelle indagini?

Si continua a indagare per arrivare ai responsabili della rocambolesca rapina a un portavalori sull’autostrada.

Rapina portavalori Avellino-Salerno

Sarà una settimana estremamente importante per quel che riguarda le indagini sulla violenta rapina a un portavalori sull’autostrada Salerno-Avellino della scorsa settimana: infatti, sono in programma rilievi molto specifici sulle auto date alle fiamme dai rapinatori, rilievi che potrebbero anche scovare delle tracce sui malviventi che sono stati in grado di organizzare un colpo in maniera tanto accurata.

Da quel che si è appreso sulla dinamica dell’assalto è assolutamente evidente che quanto accaduto sia opera di una banda composta da professionisti molto bene organizzati. Dalle testimonianze delle guardie giurate a difesa del portavalori e degli agenti che successivamente hanno ingaggiato un conflitto a fuoco con i fugiaschi si è evinto che almeno uno dei componenti del commando parlava con accento pugliese, ma gli inquirenti, dall’analisi delle telecamere di sorveglianza presenti nell’area, hanno motivo di credere che i latitanti siano fuggiti verso l’agro nocerino, cosa che fa ipotizzare la presenza di un basista locale che ha fornito supporto logistico alla banda. Si aspetta di conoscere i possibili risvolti dell’indagine per sciogliere tutti i dubbi.

Pubblicato da Emanuele Terracciano

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.