Riforma Pensioni News Oggi 8 Settembre 2016: Opzione donna tema caldo

Siamo giunti all’8 settembre 2016 e Newsly.it ha già pronte tutte le news riguardanti la riforma delle pensioni, argomento caldo di questi giorni.

Archiviata la prima importantissima settimana di discussioni tra Governo e Sindacati riguardo all’attesa riforma delle pensioni. Il primo incontro, considerato in realtà solo un primo “assaggio”, si è tenuto lo scorso 6 settembre, mentre il secondo, inizialmente in programma lo scorso 7 settembre, è slittato al 12. I temi da trattare sono tantissimi, ma c’è la volontà da entrambe le parti di trovare un accordo che faccia contenti tutti: i sindacati chiedono almeno 2,5 miliardi, mentre il governo ne mette sul piatto 2, di cui 1,3 dedicato ad APE ed altre misure considerate prioritarie.

Noi di Newsly.it cercheremo di fare ulteriore chiarezza sull’attuale situazione dandovi le news e le ultime notizie provenienti dal mondo politico e non solo.

Aggiornamenti 8 settembre

Le news di oggi 8 settembre ci riportano, in primis, le dichiarazioni di Sacconi: ”Le ipotesi assistenziali sono opinabili e pericolose perché possono avvicinare i trattamenti garantiti a quelli ottenuti con i versamenti di una vita con il risultato di demotivare il lavoro regolare e i relativi accantonamenti. Meglio concentrare l’attenzione sugli accordi per le uscite anticipate dal lavoro di dipendenti anziani, incentivandoli attraverso la distribuzione degli oneri tra Stato e datori di lavoro dopo il sostanziale fallimento del passaggio a part time. Produttività, occupazione, coesione sociale sono infatti la conseguenza di misure mirate ed affidabili nella loro durata”.

Molto caldo anche il tema aspettativa di vita, uno dei fattori che hanno portato al prolungamento dell’età pensionabile. Ecco cosa ne pensa Orietta Armiliato, una delle rappresentanti del Comitato Opzione Donna. Ecco le sue parole, riprese da un post di Facebook:

“Il dibattutissimo tema dell’aspettativa di vita è stata la causa del l’esclusione delle donne nate nell’ultimo trimestre 1957-58, fino a quando successe quello che allora mi sentii di definire il “Miracolo del Contatore”. Insomma, la Commissione Lavoro della Camera dei Deputati ottenne di poter mantenere aperta una porta che, altrimenti, sarebbe stata definitivamente chiusa. In questi giorni di attesa e di ansia per chi esclusa ancora non ha certezza del possibile inserimento, viene naturale è doveroso il ringraziare ancora una volta la Commissione Lavoro per essere riuscita ad ottenere quell’insperato risultato”.

LEGGI ANCHE: