Roma, esplosione all’alba: colpita la caserma dei Carabinieri di San Giovanni

Gli investigatori indagano sul movente dell’ordigno esploso all’alba davanti la caserma dei Carabinieri di Via Britannia a San Giovanni.

Questa mattina all’alba, intorno alle 5.30, è stato fatto esplodere un ordigno rudimentale dinanzi al portone della caserma dei carabinieri sita in Via Britannia al civico 37, nel quartiere di San Giovanni. Da quanto riportano le prime fonti, non ci sono stati feriti, ma solo danni al portone della caserma. Al momento, sono in corso le indagini dei carabinieri, al vaglio le immagini delle telecamere di sicurezza per cercare di “venire a capo” di un gesto del quale non si conoscono ancora le motivazioni.

Ordigno esploso: s’indaga sul movente

Ancora ignaro il movente del gesto, nel frattempo i Carabinieri del Nucleo Informativo e del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma, supportati anche dai Carabinieri del ROS, hanno avviato le indagini per cercare di capire se l’attentato possa avere una matrice terroristica. Di chiaro c’è solo l’obiettivo, in quanto gli investigatori sono sicuri sul fatto che gli attentatori volessero colpire proprio la caserma di San Giovanni. A coordinare le indagini, è giunto sul posto anche il comandante provinciale dell’Arma, il generale Antonio De Vita.

Dalle prime indiscrezioni la bomba è stata posta sul marciapiede accanto al portone della caserma, e fortunatamente nel momento dell’esplosione nessuno si trovava nelle vicinanze. Il boato è stato talmente forte da essere udito a centinaia di metri di distanza dal luogo dell’esplosione. Oltre ai danni riportati dal portone della caserma, lo spostamento d’aria ha frantumato una finestra e un’autovettura che si trovava parcheggiata nei pressi della caserma.

Gli investigatori all’opera stanno prendendo visione delle telecamere di sicurezza e, al momento, vengono prese in considerazione tutte le ipotesi. La caserma dei Carabinieri di San Giovanni si è, infatti, distinta nella lotta allo spaccio della droga a quella all’abusivismo commerciale, nelle indagini sulla criminalità comune e organizzata, ma anche per quanto riguarda la scena anarchica ed antagonista, e quella dell’estrema destra.

Storico-critico musicale, laureato al D.a.m.s. e in possesso di un Master in “Manager della gestione e organizzazione di eventi culturali e artistici”. Grande appassionato di musica, libri e cinema, con una particolare predisposizione al viaggio.