Attualità

“SiAmo Afrin” la mobilitazione di solidarietà per i profughi siriani

Sarebbe facile dimenticare. Ed invece no. C’è chi vuole ricordare Afrin e tutti quei curdi che in Siria hanno combattuto fino alla morte contro l’Isis e adesso si ritrovano occupati dall’esercito turco, nel silenzio del resto del mondo.
Se in pochi lo conoscono questo luogo sconosciuto e lontano dalla sensibilità dei governi, dei media e delle opinioni, Afrin è un nome che va gridato.
Afrin è una città di trentamila abitanti nella Siria settentrionale, popolata di curdi, che il 18 marzo è stata conquistata dalle milizie dell’Esercito libero siriano e dai soldati turchi. L’idea è sempre la stessa da anni: eliminare la nazione e il popolo curdo.
Ed è proprio in questo contesto di indifferenza che nasce “SiAmo Afrin“, la campagna di aiuti umanitari a sostegno della popolazione curda, araba, yazida e assira in Rojava, che parte oggi dall’Italia ed è appoggiata da varie associazioni e movimenti.
A sostenere questa causa è anche il fumettista Zero Calcare (Michele Rech), che ha disegnato il logo ufficiale dell’iniziativa.

siamo afrin

“SiAmo Afrin” nasce con due obiettivi principali.
Il primo è quello di raccogliere fondi attraverso il crowdfunding e nelle piazze italiane, dal 25 aprile al 2 giugno. Il raccolto verrà consegnato alle popolazioni del Rojava, vittima dell’attacco turco insieme a truppe dell’ Isis che ha costretto 350mila persona ad abbandonare le proprie case per rifugiarsi nei campi profughi.
Il secondo obiettivo è invece quello che viene così descritto da Hawzhin Azeez, presidente della fondazione Hevi attiva in Rojava: “Protestare per il silenzio con cui la comunità internazionale e i governi sono rimasti a guardare l’attacco ad Afrin e le drammatiche condizioni in cui versano le donne e gli uomini coinvolti”.
E’ una vera e propria tragedia umana di fronte alla quale non si può più stare in silenzio. Come ha denunciato Zero calcare: “Afrin cade per mano della Turchia. Sotto gli occhi di tutto. E nessuno fa niente. Ci stiamo assuefacendo all’orrore. Non possiamo dimenticare Afrin, città curda, vergogna nostra.” 

Tag

Paola Chiara Tolomeo

Nascevo 22 anni fa a Catanzaro, la città che mi ha regalato tante cose tra cui l'amore per il calcio. Sono entrata per la prima volta allo stadio insieme a mio padre all'età di 6 anni e da quel momento non ho più smesso. Accanto a questa passione, ho coltivato anche quella della lettura e della scrittura. Considero la parola, il mio centro gravitazionale. Da qui il desiderio di diventare giornalista. Dopo aver conseguito il diploma classico, mi sono trasferita a Bologna dove ho conseguito la laurea triennale in Lettere Moderne. "Chi si ferma è perduto". Dato questo mio motto di vita mi trasferisco a Roma per completare gli studi e dove attualmente frequento il corso magistrale di "Media, comunicazione digitale e giornalismo." Scrivere notizie, raccontare storie, intervistare le persone è la mia più grande passione. Spero diventi anche il mio mestiere.
Back to top button
Close
Close