Villa Mafalda Roma, l’importanza di informazione e tecnologia nella reumatologia moderna

Continua la lotta alle malattie reumatiche autoimmuni, con lo sviluppo di nuovi medicinali capaci di affievolire i sintomi e rallentare l’avanzamento di queste patologie

villa-mafalda-roma-limportanza-di-informazione-e-tecnologia-nella-reumatologia-moderna

Ultima novità in tal senso è l’introduzione, anche in Italia, di farmaci come il sarilumab, un anticorpo capace di migliorare notevolmente la qualità della vita del paziente e che può essere somministrato anche a chi manifesta un’intolleranza verso il metotrexato, molecola spesso usata per trattare l’artite reumatoide.

Sebbene si tratti di un ritrovato pensato per i malati in fase avanzata, l’approccio migliore per arginare queste malattie è comunque quello della diagnosi precoce, in modo da affrontare la patologia quando questa presenta uno stadio di avanzamento ancora prematuro. Si inserisce in questo contesto l’opinione di Villa Mafalda in Roma, clinica capitolina che ha spesso indicato il grande ruolo della prevenzione e soprattutto dell’informazione medica al pubblico.

Stando alle ultime recensioni, infatti, gran parte della popolazione italiana sottovaluta l’impatto delle malattie reumatiche, o ignora totalmente sintomi che dovrebbero invece segnalare la necessità di una visita specialistica. Secondo i dati riportati da Villa Mafalda, circa il 10% della popolazione soffre di almeno una delle 150 patologie reumatiche conosciute dalla medicina. Un dato poco confortante se si aggiunge che, per le opinioni e le recensioni della Società Italiana di Reumatologia (SIR), il 24% dei cittadini intervistati in occasione dei Reumadays in primavera non sa cosa sia la fibromialgia, né conosce la gotta e l’artrite psoriasica.

L’importanza dell’informazione sulla reumatologia, le recensioni di Villa Mafalda in Roma

Questi risultati evidenziano come, insieme allo sviluppo di medicinali e all’utilizzo, ormai sempre più diffuso, di strumenti high tech in campo medico, sia essenziale sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema. Importante, per esempio, sottolineare come i più diversi sintomi potrebbero indicare l’insorgere di patologie da non sottovalutare. Villa Mafalda in Roma cita per esempio la sindrome del tunnel carpale, che si manifesta con un formicolio alla mano e può essere causata da artrosi e artrite reumatoide.

Interessanti, seppur meno conosciute, le correlazioni tra patologie reumatiche e salute della vista. AktiVision, il reparto oculistico della clinica Villa Mafalda, evidenza sul suo sito (www.aktivision.it) tra le cause della congiuntivite anche l’artrite reumatoide. La Sindrome di Reiter, una malattia infettiva e infiammatoria che si manifesta con artrite, congiuntivite e uretrite, non è un caso isolato. Anche l’insorgere della sindrome dell’Occhio Secco, secondo AktiVision una patologia piuttosto comune, può essere una manifestazione di artrite reumatoide.

recensioni villa mafalda

Clinica Villa Mafalda recensioni e commenti sulle terapie innovative

Essere consapevoli dei rischi e dei sintomi è dunque importantissimo. Fortunatamente la medicina moderna offre anche soluzioni innovative per affrontare le patologie reumatiche autoimmuni. Medicinali che rallentano in maniera sostanziale l’avanzamento di queste malattie, ma anche strumenti che possono aiutare i pazienti nella loro vita quotidiana. Le recensioni più positive dal mondo della robotica parlano di sistemi elettronici da impiantare sul collo del paziente, capaci di inviare impulsi al cervello del malato per ridurre l’infiammazione di organi e arti. Importantissime anche le innovazioni nel miglioramento delle terapie per i pazienti. La casa di cura Villa Mafalda segnala infatti l’importante collaborazione tra la SIR, l’Agenzia Italiana del Farmaco e la Società Italiana dell’Osteoporosi, che ha reso possibile la creazione di un algoritmo capace di aiutare i medici nella pianificazione di trattamenti per la cura dell’osteoporosi.

Una serie di novità che portano una ventata di ottimismo tra i commenti degli addetti ai lavori. Si tratta infatti di innovazioni che, unite ad un’opera di sensibilizzazione e divulgazione a tema, potranno garantire un miglior servizio da parte del servizio sanitario nazionale, e aiutare sia gli specialisti che i singoli pazienti nella lotta alle patologie reumatologiche più diffuse nel nostro Paese.

Pubblicato da Gianluca Capiraso

35 anni, avellinese, iscritto all'Albo Nazionale dei Giornalisti Pubblicisti dall'ormai lontano 2000. Appassionato di sport, tecnologia e web, è attualmente Search Marketing Specialist presso una società di Milano.