Tecnologia

ZTE Axon M: prezzo, recensione e scheda tecnica

Attualmente la maggioranza dei telefoni presenti sul mercato ha un aspetto simile, con lo stesso elegante corpo in vetro, gli stessi angoli stondati, le stesse sottili cornici in alluminio e la stessa tendenza a eliminare i bordi per ottenere dispositivi con display ancora più grandi. La ZTE Corporation è uscita dal coro creando uno smartphone pieghevole a doppio schermo perfetto per il multitasking: lo ZTE Axon M.

Design

L’aspetto del cellulare è incentrato sulla funzionalità piuttosto che sulla forma. Il telefono è contraddistinto da un doppio pannello LCD TFT da 5,2 pollici di risoluzione FULL HD di 1080 x 1920 pixel con densità di 426 pixel per pollice, dove i due display sono messi fianco a fianco e sono collegati da una cerniera voluminosa e robusta. Generalmente i due schermi sono piegati verso l’esterno e sono rivolti in direzioni opposte, per cui il dispositivo raggiunge uno spessore di 12,2 mm e risulta più doppio degli esemplari della concorrenza, oltre che più massiccio con il suo peso di 230 g. Le grandi cornici poste in alto e in basso al doppio pannello LCD TFT rendono il design dello smartphone davvero datato. Tutti i pulsanti dello ZTE Axon M si trovano sul lato sinistro del cellulare e includono il bilanciere del volume, il tasto di accensione con un lettore di impronte digitali incorporato e un terzo pulsante personalizzabile per avviare app specifiche a scelta dell’utente. Inoltre c’è un jack audio da 3,2 mm nella parte superiore del telefono. Quando i due display sono estesi diventano un solo schermo da 6,75 pollici. Se vi state chiedendo come mai il doppio pannello LCD TFT misuri solamente 6,75 pollici anziché matematicamente 10,4 pollici, sappiate che l’ampiezza di un display viene calcolata sulla base dei pollici della diagonale contati da un angolo all’altro. Oltretutto è necessario osservare che, purtroppo, la cerniera rovina l’effetto dello schermo unico.

 

Hardware

Lo smartphone è alimentato da un chipset Qualcomm Snapdragon 821 MSM8996 Pro con una CPU quad-core da 2150 MHz accoppiata a 4 GB di RAM e a 64 GB di memoria di massa. È interessante notare che, curiosamente, l’azienda cinese ha impiegato un processore di circa due anni fa. Questa scelta fa sospettare che lo sviluppo dello ZTE Axon M, annunciato a ottobre 2017 e lanciato a gennaio 2018, abbia richiesto dei tempi più lunghi di quanto immaginato e fa rischiare che la scheda tecnica del cellulare non sia in linea con quelle dei suoi pari (e dunque che non possa competere con i più noti Google Pixel 2, Huawei Mate 10, LG G6, LG V30, Samsung Galaxy Note 8 e Samsung Galaxy S8).

Software

Dato che il sistema operativo Android non è progettato per l’uso sul doppio pannello LCD TFT, la ZTE Corporation ha dovuto implementare il software secondo le sue esigenze. Il telefono supporta la versione 7.1.2 Nougat dell’OS offerto da Google e malauguratamente soffre di vari bug. Per esempio le applicazioni talvolta si bloccano quando i due display sono estesi e il cambio di orientamento spesso rallenta al passaggio da due a un solo schermo e viceversa. Nonostante questi inconvenienti complessivamente le funzioni del dispositivo lavorano come pubblicizzato.

Modalità

Oltre la modalità Singola, dall’ovvia caratterizzazione, esistono tre modalità che vi consentono di godere appieno del doppio pannello LCD TFT dello smartphone: modalità Condivisa, modalità Dual e modalità Estesa.

  1. Nella modalità Condivisa i due display mostrano lo stesso contenuto contemporaneamente. Lo scopo principale è quello di permettere a due persone sedute l’una di fronte all’altra di guardare lo stesso video.
  2. Nella modalità Dual potete eseguire un’app su ogni schermo per il multitasking. Fortunatamente non ci sono intoppi negli accoppiamenti: Facebook e Twitter, WhatsApp e Google Maps, streaming di Netflix durante la navigazione in Gmail, quasi tutto funziona a dovere. Fa eccezione la combinazione di due giochi che sono attivi nello stesso momento, perché lo ZTE Axon M non sempre è in grado di elaborarli e di gestirli.
  3. Nella modalità Estesa il doppio pannello LCD TFT diventa un solo display, per cui le applicazioni ottimizzate (come Chrome, Facebook, Google Play Store) si allargano precisamente sui due schermi e permettono di visualizzare più informazioni del normale, mentre le applicazioni non ottimizzate (come Instagram) si adattano male ai due schermi e sono leggermente scomode da utilizzare, ma in ogni caso rimangono completamente fruibili. Comunque la modalità Estesa del cellulare consente un’esperienza d’uso superiore rispetto agli esemplari della concorrenza per leggere gli articoli, per scorrere i feed di Twitter e soprattutto per scrivere e-mail o documenti di Word, in quanto avete a vostra disposizione una tastiera più grande del solito.

Batteria

Il telefono è alimentato da una batteria a litio da 3,180 mAh con un’autonomia di 290 ore in standby. La durata della carica è piuttosto buona anche se utilizzate il dispositivo con il doppio pannello LCD TFT intensivamente per un giorno intero.

Fotocamera

Incredibilmente l’azienda cinese ha deciso di risparmiare sui costi e ha costruito per lo smartphone una sola fotocamera da 20 MB con apertura f/1.8, flash dual-LED e autofocus. L’obiettivo è frontale per impostazione predefinita, quindi se volete scattare una foto a qualcosa che sta davanti a voi dovete per forza scorrere la schermata della fotocamera sull’altro display e ruotare il telefono. Questa dinamica un po’ macchinosa potrebbe essere tollerabile se la fotocamera scattasse delle foto sorprendenti, invece la fotocamera è nella media nonostante le sue specifiche. I colori appaiono troppo tenui e le prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione sono alquanto scadenti. Il dispositivo può pure fare la registrazione di video in 4K UHD a 30 fps.

Conclusioni

Con il suo nuovo smartphone la ZTE Corporation ha realizzato un progetto ardito che in alcuni punti ha deluso (vedete i bug fastidiosi e la fotocamera insoddisfacente) e in altri punti ha colpito nel segno (vi basta pensare a quanto è utile la capacità dello ZTE Axon M di eseguire un’app su ogni schermo). Per l’utente che dà priorità alla fotografia questo cellulare non è ottimale, però per quello che ha bisogno di lavorare in ufficio e non vuole portarsi dietro un laptop questo telefono potrebbe valere la pena di essere acquistato.

Scheda tecnica

  • Marca: ZTE
  • Modello: Axon M
  • Dimensioni: 150,9 x 71,6 x 12,2 mm
  • Peso: 230 g
  • Display: doppio pannello LCD TFT da 5,2 pollici di risoluzione FULL HD di 1080 x 1920 pixel con densità di 426 pixel per pollice
  • Jack audio: 3,2 mm
  • Processore: Qualcomm Snapdragon 821 MSM8996 Pro con una CPU quad-core da 2150 MHz
  • Memoria: 4 GB di RAM e 64 GB di memoria di massa
  • Sistema operativo: Android 7.1.2 Nougat
  • Batteria: litio; 3,180 mAh con un’autonomia di 290 ore in standby
  • Fotocamera: 20 MB con apertura f/1.8, flash dual-LED e autofocus; registrazione di video in 4K UHD a 30 fps
  • Prezzo: 899,99 euro (disponibile in esclusiva presso i Centri TIM e in promozione per i clienti di questo operatore telefonico con un piano che prevede la rateizzazione del pagamento a 20 euro per 30 mesi senza anticipo)

Tag

Laura Tarallo

Laureata in Criminologia, mi appassiona la cultura in ogni sua forma: la letteratura, l'arte, la scrittura, la musica, i videogames, la scienza, la cucina, il fitness, la fotografia e il cinema.
Back to top button
Close
Close