Attentato New York 31 Ottobre 2017, identificato l’autore

attentato-new-york-attentatore

Il terrore di questi minuti ha totalmente sconvolto la vita quotidiana del centro di New York. Parecchie immagini aeree infatti mostrano Lower Manhattan totalmente bloccata e chiusa al traffico con i soccorsi che si susseguono frenetici. Il pick-up che fino ad ora ha causato la morte di otto persone e il ferimento di quindici ha seminato il panico per centinaia di metri.

Iniziano anche a circolare prime immagini dell’arresto del principale sospettato. L’uomo vestito in tuta sarebbe stato ripreso anche da telecamere di sorveglianza: dalle immagini si vede chiaramente che il sospettato è uscito dal furgone incriminato. Secondo alcuni testimoni avrebbe gridato “Allah Akbar” durante la carneficina. A rimanere feriti, oltre i cittadini presenti a Lower Manhattan, anche alcuni agenti di polizia.

Attentato New York, le parole di Khan

“Londra mostra immensa solidarietà verso la grande città di New York – queste le parole del primo cittadino inglese su Twitter – il mio pensiero va alle vittime ed ai familiari”. Il sindaco ha rivolto parole di stima verso i cittadini colpiti dal terrore: “i newyorkesi sono forti e sapranno resistere al terrore di questa notte”. I fatti di stasera sono stati descritti come un atto vile e codardo.

Attentato New York, la conferenza di Cuomo e Di Blasio

In corso in questi minuti anche una conferenza stampa con il sindaco di New York Bill de Blasio e il Governatore dello Stato Cuomo. Tutta la politica è in allerta per questo atto che pare sia definito di terrorismo.

Si inizia a parlare anche di attacco di un “lupo solitario”, ovvero attentatori non direttamente affiliati a cellule terroristiche ma destinatari della propaganda dei gruppi armati. Non c’è infatti prova che cellule terroristiche stessero preparando un attacco. Le autorità invitano a riprendere la normalità della giornata al più presto.

Il sospetto avrebbe 29 anni e sarebbe stato armato con armi leggere, alcune delle quali da paintball. Il giovane sarebbe originario di Tampa in Florida. L’ISIS starebbe già festeggiando l’attacco. Non è ancora chiaro se lo Stato Islamico, ormai in ritirata in Medio Oriente, ha rivendicato l’attentato. La rivendicazione, secondo la dinamica di altri attacchi, potrebbe però arrivare a breve.

Pubblicato da Matteo Squillante

Napoletano di nascita, attualmente vivo a Roma. Idealista e sognatore studente di Lettere presso l'Università di Roma Tor Vergata. Osservatore silenzioso e spesso pedante della società attuale. Scrivo di ciò che mi interessa, principalmente politica e temi sociali.
Twitter: @MattSquillante