Bernardo Caprotti morto: era il fondatore di Esselunga

Si è spento all’età di 90 anni Bernardo Caprotti, fondatore della catena di supermercati Esselunga, da decenni tra le più importanti realtà della grande distribuzione organizzata del nord e del centro Italia, a pochi giorni dal suo novantunesimo compleanno. L’imprenditore milanese era nato il 7 ottobre del 1925, da una famiglia di industriali tessili. Dopo aver conseguito la laurea in legge si trasferisce negli Stati Uniti dove, assieme ai suoi fratelli, entra a far parte della Supermarkets Italiani S.p.A., fondata dalla International Basic Economy Corporation di Nelson Rockefeller.

Bernardo Capritti ci lascia a causa di una malattia

Nascono così i primi grandi punti vendita al dettaglio a libero servizio della nostra Penisola, in pieno boom economico. Nel novembre del ’57 inaugura il primo supermarket sotto il Duomo, nella sua Milano. Da qui l’inizio di un impero industriale che lo consegnerà alla storia come “il re dei supermercati”. Gli anni bui arrivano nel 1996, quando patteggia 9 mesi di condanna per tangenti alla Guardia di Finanza. Nel gennaio del 2010 riceve una laurea honoris causa in architettura all’università La Sapienza di Roma. La fine della carriera aziendale arriva il 23 dicembre 2013, quando rassegna le dimissioni da tutte le cariche aziendali.