Caso Stefano Cucchi: Rinvio a Giudizio per i 5 Carabinieri coinvolti

Cucchi Morto per Epilessia? Nuova Perizia
Vota questa notizia

Continua il caso Cucchi: chiesto il processo per i 5 carabinieri coinvolti nella vicenda del geometra romano morto dopo il suo arresto. La notizia arriva dalla Procura di Roma che ha chiesto il rinvio a giudizio dei cinque carabinieri coinvolti nell’inchiesta sulla morte di Stefano Cucchi, avvenuta il 22 ottobre 2009 nell’ospedale Sandro Pertini.

Per i tre che eseguirono l’arresto del geometra, ritenuti autori del pestaggio che ha portato alla morte del ragazzo, l’accusa è di omicidio preterintenzionale, per gli altri due carabinieri sono calunnia e falso. Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro e Francesco Tedesco sono i tre accusati del reato di omicidio preterintenzionale, configurato, dal procuratore Giuseppe Pignatone e dal suo sostituto Giovanni Musarò. I tre carabinieri all’epoca erano in servizio alla stazione di Roma Appia.

Le accuse di calunnia sono andate all’indirizzo del già accusato per omicidio preterintenzionale Tedesco, e per Vincenzo Nicolardi, anche quest’ultimo militare dell’Arma. Accusato di calunnia anche il comandante Interinale della stessa stazione di Roma Appia, Roberto Mandolini. Per i tre carabinieri, già accusati di omicidio preterintenzionale e per Tedesco accusato anche di calunnia, è contestato anche il reato di abuso di autorità per aver sottoposto Cucchi a misure di rigore non consentite dalla legge. La famiglia di Stefano Cucchi da sempre si batte per la giustizia e la verità per la morte del ragazzo, che forse, l’epilogo di questa pagina nera della giustizia italiana andrà verso la conclusione.

Condividi
Aspirante giornalista sportivo. Studente in scienze della comunicazione di Pisa. Le più grandi passioni sono la scrittura e lo sport, ho il calcio che mi scorre nelle vene, tanto da fondare una squadra amatoriale nel proprio paese.