Concorsi Poste Italiane 2015: 8000 nuove assunzioni, come candidarsi

Buone notizie. Poste Italiane esordisce in Borsa e ufficializza immediatamente 8mila nuove assunzioni. A confermarlo è lo stesso amministratore delegato Francesco Caio, che si è espresso così dinanzi ai tanti giornalisti e curiosi: “Le confermiamo, sono già avviate. Serviranno a modificare e rafforzare il profilo professionale dei lavorati di Poste per servire al meglio i cittadini”.

Ignorati, dunque, i pochi lavoratori in protesta, fuori dalla sede della Borsa di Milano, contro la privatizzazione dell’azienda: “Questa è la più grande Ipo dell’anno in Europa, è un’operazione che mette sicuramente Poste Italiane ma io direi l’Italia al centro del mondo e al centro dell’attenzione degli investitori che guardano a questo Paese, a questa impresa come a un’opportunità di investire in un’azienda che cambia in un Paese che cambia e che cresce”.

Una crisi profonda che ha portato alla soluzione della privatizzazione. Come si spiega alla gente tutto ciò? “La privatizzazione è un’operazione che crea valore per i cittadini e i dipendenti, e che dà una prospettiva di sostenibilità e di sviluppo a un’impresa che non rinuncia alla sua missione sociale, ma che fa del mercato la misura delle cose che facciamo”.