Attualità

Coronavirus, a Ferrera Erbognone nessun contagiato: perché?

Il Comune di Ferrera Erbognone, pur trovandosi in piena zona rossa, non ha alcun caso di contagio da Covid-19. Avviate ricerche per capire il perché.

Ferrera Erbognone è un Comune di circa 1000 abitanti della Provincia di Pavia. Nelle ultime ore è salito alla ribalta della cronaca per via del fatto di non aver contato alcun contagio da Coronavirus dall’inizio dell’emergenza.

La Lombardia è la Regione che sta facendo i conti più da vicino con la pandemia di Coronavirus ma nella Provincia di Pavia sembra esserci una sorta di ”oasi felice”, stiamo parlando del Comune di Ferrera Erbognone, una cittadina di circa 1000 abitanti in cui al momento non si è ancora registrato un solo caso di positività al Covid-19.

La bella anomalia di Ferrera ha attirato l’attenzione dei media ma, soprattutto, della scienza: infatti, l’istituto Mondino di Pavia ha chiesto il via libera alla Regione per effettuare analisi approfondite per cercare di capire se ci sia un reale fattore che ha difeso gli abitanti dal Coronavirus o se si tratti solo di una coincidenza molto fortunata.

Perché a Ferrera Ebognone non c’è nessun positivo?

Non è ancora possibile dare una spiegazione scientificamente sensata del perché nel Comune di Ferrera Erbognone non si sia registrato neanche un caso di Covid-19. Ferrera, come detto, è una cittadina di 1000 abitanti situata nel cuore della Lomellina quindi non a grande distanza dalle zone più calde dal punto di vista del contagio.

Come anticipato, a breve partirà uno studio sugli abitanti del Comune per cercare di capire se possa esserci un qualche fattore ”biologico” a difenderli dal virus. Fino al 2 aprile è possibile per tutti i ferrerini prenotare degli esami del sangue da effettuare nel vicino Comune di Sannazzaro de’ Burgundi. Ovviamente la partecipazione a questo studio è assolutamente gratuita e su base volontaria e chi, pur volendo partecipare, non può muoversi da casa potrà effettuare l’esame anche a domicilio.

La speranza è quella di trovare nel sangue di queste persone degli anticorpi particolari o qualsiasi altra cosa che possa spiegare questa prodigiosa immunità e, magari, fornire indicazioni su come contrastare il virus anche al di fuori dei confini di Ferrera Erbognone. Purtroppo il Coronavirus rappresenta anche per la scienza un nemico ancora molto poco conosciuto e, pertanto, è importante che studi come questi vengano portati avanti con il massimo rigore per non perdere l’eventuale occasione di trovare una chiave che svolti gli esiti della guerra a questo virus. Il bilancio di questa guerra in Lombardia è estremamente drammatico e ogni piccolo spiraglio di luce è visto come una speranza.

Tag
Mostra tutto

Emanuele Terracciano

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.
Back to top button
Close
Close