Cronaca

Incendio a Mortara : allarme diossina e scuole chiuse per due giorni

I Vigili del Fuoco di Pavia con l’intervento di altre squadre locali hanno domato, questa notte, l’incendio divampato all’alba di ieri nell’azienda “Eredi Bertè” di Mortara  che si occupa dello smaltimento di rifiuti speciali.La colonna di fumo nero, visibile a decine di chilometri di distanza che si è alzata su Mortara, ha fatto scattare immediatamente l’allarme diossina e ha attivato i tecnici specialisti in emergenze dell’Arpa, i cui colleghi sarebbero dovuti arrivare in azienda proprio ieri per controllare l’impianto. Il titolare della ditta, Vincenzo Bertè, 51 anni,ha accusato un malore dopo essere arrivato sul posto ed è stato accompagnato in ospedale per accertamenti. Un altro incendio, in quel caso di accertata origine dolosa, era scoppiato nella stessa ditta il 14 settembre 2004.

Chiuse le scuole per l’allarme inquinamento

Il sindaco di Vigevano, Andrea Sala, e Marco Facchinotti primo cittadino di Mortara hanno emesso le ordinanze per invitare i cittadini a restare in casa, tenere le finestre chiuse e non raccogliere né consumare i prodotti dell’orto. Decretata, inoltre, la chiusura per due giorni di tutte le scuole, compresi i nidi e gli istituti superiori nei quali gli studenti sarebbero stati impegnati negli esami di recupero.

Si attendono risultati dell’Arpa

Secondo quanto risulta dagli ultimi aggiornamenti relativi ai valori degli inquinanti convenzionali, vale a dire biossidi di zolfo, ossidi di azoto e Pm10, non si evidenziano anomalie che possano essere ricondotte all’incendio di ieri. Per le diossine i risultati delle analisi saranno disponibili entro 72 ore dalla consegna al laboratorio Arpa. Iolanda Nanni, consigliere regionale M5S, ha sottolineato che “è il quarto incendio avvenuto in Lomellina nell’arco di pochi mesi” mentre Legambiente fa notare come questa “strana epidemia di roghi” in impianti di trattamento di rifiuti sia estesa da un capo all’altro del Paese. In modo particolare, Lombardia, Veneto, Toscana, Puglia e Campania sono le regioni più colpite dal fenomeno dei roghi nelle aziende di trattamento e smaltimento.

 

 

 

Tag

Francesca Marciello

Classe 1996, pugliese d'origine ma d'animo cosmopolita. Non ha ancora deciso cosa fare da grande ma nel frattempo scrive, viaggia e legge tanti libri. E' un'inguaribile idealista con la tendenza a parlare (forse) troppo e (sicuramente) troppo velocemente. A Francesca piace: l'odore dei libri nuovi, canticchiare il tema musicale della 20th Century Fox prima dell'inizio di un film, la pizza. A Francesca non piace: l'arancione, il rap e chi è difficile da entusiasmare.
Back to top button
Close
Close