Incendio al Parco Archeologico di Himera a Palermo: Foto e Video

Incendio Palermo Zona Archeologica Himera

Brucia la Sicilia! Proprio in queste ore di venerdì 30 giugno 2017, diversi roghi e incendi stanno tormentando la Sicilia, in diverse zone della regione. In particolar modo nelle zone della provincia di Palermo la situazione è critica, poiché un vasto incendio sta seminando preoccupazione nell’area archeologica di Himera. Di seguito foto e video.

Parco di Himera: l’incendio e l’intervento dei Vigili del Fuoco

Già verso le 10:30 di stamani, qualcuno dei dipendenti del museo aveva visto delle fiamme nei pressi del parco archeologico di Himera e da subito sono stati allertati i Vigili del Fuoco, i quali sono giunti con tempestività sul luogo dell‘incendio. Attualmente sono in corso le manovre di spegnimento da parte dei Vigili del Fuoco e del Corpo Forestale della Regione Siciliana, ciò che desta preoccupazione è soprattutto il forte vento di scirocco che continua a soffiare nell’area, alimentando così le fiamme. Inoltre le alte temperature che che nel frattempo stanno sfiorando i 43° danno man forte al forte vento, alimentando così il pericolo di ulteriori combustioni.

Naturalmente un tratto della strada statale è stata chiusa dalla Pol Strada e dai Carabinieri poiché è quasi impossibile accedervi e grazie all’intervento dell’ANAS, il traffico è stato deviato sull’autostrada A19 Palermo-Catania. Qualche giorno fa, un tratto dell’autostrada Palermo – Catania è stato chiuso per precauzione e fortunatamente ciò è stato di grande aiuto per i corpi che stanno intervenendo per domare le fiamme.


Pubblicato da Giovanni Azzara

Laureando in Scienze Religiose, appassionato di tutto ciò che riguarda la storia, in particolare quella della Chiesa e anche di giornalismo. Sognatore e visionario, speaker radiofonico e amante dell'arte in generale.
Il mio sogno ? Diventare vaticanista!
Twitter: @Azzarag91

BrunoPoy

Bruno Poy: Maurizio Scandurra ricorda l’avvocato e politico italiano

Mario Rui

Mario Rui-Napoli, l’agente: “Si chiude entro prossima settimana”