Alluvione Livorno:sale a otto il numero delle vittime

Trovato l'ultimo disperso e sale il bilancio delle vittime del nubifragio che fra sabato e domenica ha messo in ginocchio la città di Livorno

Livorno fa i conti con il tragico bilancio del nubifragio che si è abbattuto sulla città e i comuni limitrofi fra sabato e domenica. Nella mattinata di oggi è stato ritrovato il corpo dell’ultimo disperso. Sale così a otto il numero delle vittime. Si tratterebbe di Gianfranco Tampucci, di anni 67. Il magistrato di turno è al lavoro con gli investigatori per l’identificazione della vittima. Il cadavere dell’uomo è stato ritrovato nella zona di Collinaia.

L’ultima vittima del nubifragio di Livorno

Gianfranco Tampucci, viveva in una casa isolata, nella zona di Monterotondo. L’abitazione è stata trascinata dalla furia delle acque. Il corpo di Martina Bechini, la penultima vittima del nubifragio di Livorno, era stato ritrovato lunedì pomeriggio dai carabinieri e dai volontari della protezione civile. Livorno è in ginocchio piange le sue vittime ed ora si dovrà fare i conti con gli sfollati e con gli ingenti danni agli edifici. Una tragedia che apre nuove polemiche, tragedie che si potevano evitare.

 

Proclamato il lutto cittadino a Livorno

La città ha proclamato il lutto cittadino. Nel giorno dei funerali delle vittime ogni attività si fermerà per un minuto. Intanto, in città si lavora incessantemente per recuperare il volto di Livorno,  “cambiato completamente” come ha commentato il sindaco, Filippo Nogarin. Il Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi chiede poteri straordinari “Credo siano necessari poteri straordinari affidati alla Regione in questa fase di emergenza, ma anche in quella successiva. Se vogliamo che le opere necessarie alla messa in sicurezza del territorio siano realizzate presto e bene, non possiamo intervenire con i lacci delle procedure ordinarie”.  Tra gli interventi auspicati per la messa in sicurezza dell’area livornese, il governatore ha indicato quelli sui quattro corsi d’acqua responsabili degli allagamenti. Si attende quindi l’ordinanza con la dichiarazione dello stato di emergenza. La Regione utilizzerà  subito i circa 2,2 milioni di euro a disposizione per i primi interventi sull’Ugione, mentre nella giunta  prevista per mercoledì, ne stanzierà altri 3 per gli altri interventi urgenti.

 

Dottoressa in Giurisprudenza con specializzazione in diritto penale, Avvocato praticante e (ormai) ex pallavolista.
Sto ancora studiando per realizzare il mio sogno di diventare un Magistrato,ma la grande passione della mia vita è sempre stata il calcio,l’unico vero amore il mio Milan. Cresciuta a pane volley e partite di pallone,sono passata dal divertire i miei amici con i miei commenti calcistici sui social a scrivere per davvero di calcio e volley, e non c’è niente di più gratificante che scrivere di ciò che ami!