Luciano Violante Ricoverato: le Condizioni

Luciano Violante Ricoverato: le Condizioni
Luciano Violante in un'immagine del 10 settembre 2011 a Roma. ANSA/SERENA CREMASCHI

Il mondo della poltica italiana è seriamente preoccupato per le condizioni dell’ex Presidente della Camera Luciano Violante, il 74 enne è stato ricoverato al reparto di rianimazione dell’ospedale Parini di Aosta. L’uomo ha avuto un malore quest’oggi, mentre si trovava a Cogne ed è stato trasportato d’urgenza all’ospedale aostano, dove è stato sottoposto alle prime indagini diagnostiche. Per quanto gravi (la prognosi permane riservata), le sue condizioni, rispetto ad un primo momento, sono migliorate.

Quello che ha subito Luciano Violante è stato uno strano scherzo del destino, visto che l’ex presidente, stava andando proprio ad Aosta, dove doveva assistere insieme alle autorità regionali valdostane all’apertura dell’Atelier des Metiers. Purtoppo per lui ad Aosta ci è andato per un altro motivo, il ricovero d’urgenza in ospedale. In questo momento le autorità valdostane stanno seguendo l’evolversi della situazione riguardante Violante.

I medici dal canto loro provano a rassicurare tutti: “Le sue condizioni sono in un graduale e spontaneo miglioramento, inoltre, la Tac e la risonanza magnetica encefalica hanno escluso lesioni cerebrovascolari di natura significativa”, leggendo queste parole la situazione sembrerebbe essere del tutto positiva, ma non è così, dato che i medici hanno anche aggiunto: “Nel corso della mattinata il paziente ha presentato un prolungato disturbo di coscienza”

Leggi anche:

Londra, 19enne accoltella una donna e minaccia i passanti

Camorra, due omicidi a Materdei: ucciso boss del Cavone

Pubblicità Eredi Corazza: Foto shock rappresenta femminicidio

Sognatore per antonomasia, ritiene che la verità vada ricercata e non creduta per sentito dire. Appassionato di testi antichi i quali ritiene vadano letti per ciò che raccontano, senza volerne alterare il significato, con figure retoriche inesistenti, per veicolare una verità che non esiste.
Poeta spesso malinconico.
Ama definirsi “Destista”