Cronaca

Siria, tregua umanitaria di 12 ore: in salvo civili e feriti

Finalmente tregua ad Aleppo. Durerà 12 ore e permetterà a feriti e civili di essere soccorsi e portati in salvo.

Entrata in vigore alle 7 ora italiana la tregua umanitaria già stipulata da Mosca per consentire il soccorso di malati e feriti. Inoltre, grazie a questa breve tregua, anche i civili hanno la possibilità di lasciare la città di Aleppo. Nonostante ciò, le autorità siriane non hanno proclamato ufficialmente la sua entrata in vigore, come accaduto precedentemente.

Il comando delle forze armate siriane aveva, tuttavia, già annunciato nella notte con una semplice nota, la sospensione del bombardamento nella zona est di Aleppo. I quartieri est della città, sono tutt’ora sotto il controllo dei ribelli e assediati dall’esercito governativo. Il comunicato precisa come la tregua umanitaria sia stata estesa fino alle 19 ora locale, come già sottolineato da Mosca. La tregua giunge proprio poco dopo lo svolgersi del vertice tra Vladimir Putin, Angela Merkel e François Hollande.

Vertice tra Francia, Germania e Russia.

Al centro del confronto, svoltosi a Berlino, vi erano due tematiche delicate come Siria e Ucraina, conflitti che continuano ad alimentare certe tensioni tra gli Usa e la Russia. Viene proprio dal presidente francese e dalla cancelliera Merkel un’opinione forte: i due capi di stato, infatti, non escludono sanzioni contro la Russia a causa dei suoi bombardamenti contro i civili di Aleppo.

Come riportato da Repubblica: “Tutto ciò che può rappresentare una minaccia può essere utile”, ha spiegato Hollande ai giornalisti al termine del vertice. Una posizione approvata anche dalla cancelliera, che ha spiegato come “non ci si può privare di questa opzione”. Concludendo, Hollande ha definito “crimini di guerra” l’attacco dell’aviazione russa e siriana sui quartieri di Aleppo e la Merkel, ha voluto imputare le azioni effettuate come “disumano”.

LEGGI ANCHE: 

Siria, sospesi bombardamenti russi su Aleppo

Tag

Anna Porcari

Ho 26 anni, studio all'Università e scrivere è la mia passione più grande."Chi di voi vorrà fare il giornalista, si ricordi di scegliere il proprio padrone: il lettore". (Indro Montanelli)
Back to top button
Close
Close