Turisti aggrediti a Rimini: arrestati 3 ragazzi napoletani

L’aggressione sul lungomare di Marina Centro.

uccide-madre-si-toglie-vita

Due turisti trentenni, residenti a Bologna e Faenza, in vacanza a Rimini per festeggiare un addio al celibato, sono stati aggrediti e picchiati a sangue mentre passeggiavano sul lungomare di Marina Centro. È accaduto la notte scorsa, nei pressi del bagno 23. I due giovani sarebbero stati aggrediti con un casco da moto. Gli aggressori sono 3 ragazzi di origini napoletane, di 15, 19 e 20 anni. Obiettivo dell’aggressione era rubare il Rolex che uno dei due portava al braccio e i portafogli. Fondamentale l’intervento della Polizia di Stato che ha immediatamente bloccato e arrestato i tre malintenzionati.

“Non sapete chi siamo noi – avrebbe urlato uno degli aggressori ai poliziotti – siamo di Napoli e conosciamo famiglie affiliate”. Per lui anche l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale. I 3 napoletani sono stati arrestati per rapina aggravata. Il 15enne è stato trasferito al carcere minorile ‘Pratello’ di Bologna, gli altri due ai ‘Casetti’ di Rimini, in attesa dell’udienza di convalida.

Ad allertare le forze dell’ordine, i clienti di un albergo che affaccia sul lungomare Tintori, che hanno assistito all’aggressione. Quando gli agenti di Polizia sono arrivati sul posto hanno visto i tre ragazzi scappare e i due turisti feriti. “C’hanno preso alle spalle, di sorpresa – hanno raccontato ai poliziotti – hanno tentato di strapparmi il Rolex dal polso, ma non ci sono riusciti”. Una delle 2 vittime ha riportato varie lesioni al volto, all’occhio, un trauma cranico e la frattura di una costola. È stato dimesso dal Pronto Soccorso con una prognosi di 22 giorni. L’amico è stato ferito al naso e al volto e se la caverà con una prognosi di 12 giorni.

I 3 aggressori di origini napoletane sono tutti residenti a Rimini, in varie zone di San Giuliano e Ina-Casa.