Frecce tricolori Jesolo: Air Show dedicato alle vittime del terremoto

Festa della Repubblica 2016: Frasi, Video e Immagini per WhatsApp e Facebook 5

Si sono esibite oggi, alle ore 15:30, le Frecce Tricolori a Jesolo, oltre 500 mila spettatori ad ammirare le grandi coreografie del corpo dell’Aeronautica Militare. L’Air Show è stato dedicato al popolo colpito dal terremoto nel centro-Italia.

Alla fine è stata confermata l’esibizione in programma nel cielo veneto. A prendere questa decisione sono stati il sindaco di Jesolo, Valerio Zoggia, con i vertici dell’Aeronautica Militare, che hanno attivato anche una raccolta fondi per contribuire nella ricostruzione delle case colpite dal sisma.

Lo stesso sindaco del comune veneto ha aperto lo spettacolo con un messaggio:

«Sono momenti di riflessione e molto tristi per quanto accaduto alcuni giorni fa, per questo abbiamo deciso assieme ai vertici dell’aeronautica di tramutare questa giornata da un evento turistico in una grande occasione di solidarietà. Il Comune di Jesolo era pronto a fare un passo indietro nel momento in cui gli fosse stato chiesto di farlo. Ma ritengo che sia stato più utile aiutare in questo modo, da lontano, le popolazioni che non hanno più una casa e che hanno perso familiari e amici. Le Frecce Tricolori colorano il cielo di Jesolo da 20 anni. Uno spettacolo nello spettacolo, un orgoglio, un momento da vivere con grande emozione e partecipazione e che affascina sempre. Grazie, dunque, a tutti coloro che hanno voluto e reso possibile anche per quest’anno questa manifestazione che anche quest’anno è stata fantastica soprattutto in termini di presenze e di pubblico».

Durante l’esibizione della Pattuglia Acrobatica Nazionale, capitanate da Jan Slangen, c’è stato un minuto di silenzio in onore delle vittime, mentre durante l’acrobazia denominata “bomba” è stato intonato il silenzio militare.

Presente anche Alice Sabatini, Miss Italia 2015, come madrina dell’Air Show:

“Essere qui a Jesolo per testimoniare la vicinanza e la solidarietà per chi è rimasto senza casa o ha perso la famiglia, gli amici è un onore per me.” 

Appassionato di calcio, dello sport in generale e di qualunque argomento scientifico, si affaccia al mondo del giornalismo e dei blog con l’ambizione di poter raccontare e trasmettere le proprie conoscenze ad un numero sempre maggiore di persone, mantenendo obiettività ed oggettività.