Pizzeria Gino Sorbillo a Roma: Apertura e Indirizzo

Il locale aprirà a Piazza Augusto Imperatore al centro di Roma. È attesa per il menù.

pizzeria sorbillo roma

Il re della pizza napoletana, Gino Sorbillo, proprietario dell’omonima pizzeria nel cuore della città partenopea, aprirà una nuova pizzeria a Roma. Piazza Augusto Imperatore sarà la sede del suo nuovo locale.

Una scelta strategica, una pizzeria nel cuore della città eterna, come per Napoli, il centro storico è una scelta studiata e mai casuale. La fine del prossimo mese di Luglio segnerà l’inizio di questa nuova avventura capitolina.

Sorbillo a Roma: la tradizione della famiglia

Gino Sorbillo appartiene ad una delle famiglie di pizzaioli più antiche di Napoli. Proprio in via dei Tribunali, negli anni trenta, il nonno Luigi apre una piccola pizzeria. Dei suoi ventuno figli, solo una si dedica all’arte dell’impasto. Si chiama Esterina (omonima pizzeria Zia Esterina) e lavorerà in quello storico locale per 63 anni. Il nipote Gino ha imparato tutto da lei, prima dietro le quinte, poi lavorando al suo fianco nella pizzeria di famiglia, imparando ben presto i segreti della vera pizza napoletana, che ha saputo rendere una vera e propria eccellenza.

Sorbillo Roma

La nuova sfida di Sorbillo è l’utilizzo di ingredienti ricercati di prima qualità, come le farine di agricoltura biologica, verdure, ortaggi ed aromi.
La sua filosofia è utilizzare ottime materie prime, che la terra campana mette a disposizione, continuando costantemente nella ricerca delle migliori eccellenze gastronomiche italiane.

Come è fatto l’impasto di Gino Sorbillo

L’integrazione tra gli ingredienti ed il loro mixaggio sulla pizza consente a Gino Sorbillo la creazione di nuove proposte ed un continuo aggiornamento del menù. Nel 2015 l’apertura della sua pizzeria a Milano ‘Lievito madre al duomo’ , in cui, a differenza della storica sede in Via dei Tribunali a Napoli, si utilizza il lievito madre per l’impasto.

L’impasto è ottenuto con un mix di 85% di farina 0 e 15% di farina integrale, entrambe bio. E’ una scelta diversa per Sorbillo, che si dice molto soddisfatto: «questa miscela da più sapore alla pasta e spinge maggiormente in lievitazione, bisogna controllarla di più, ma il risultato mi piace moltissimo».  Dopo Roma, sarà la volta di Miami, Los Angeles e Tokyo.