Cinema

“The Little Drummer Girl”: recensione della serie con Alexander Skarsgård e Michael Shannon

Il nostro mondo è un mondo in cui passato e presente sembrano confondersi sempre di più. Cose del passato che ci sono state tenute nascoste, non abbiamo bisogno di riscoprirle perché stanno accadendo nel nostro stesso presente. Cerchiamo di fare confronti con il passato e facendo così portiamo inconsapevolmente quel passato ad essere presente. Lo facciamo nella realtà, ma anche nella finzione. Per quanto riguarda la finzione, ci sono scrittori che sanno raccontare molto bene il passato e ce ne sono altri che invece sembrano anticipare il presente.
John Le Carré appartiene alla seconda categoria; nel 1983 ha pubblicato il suo romanzo giallo “The Little Drummer Girl” (in italiano “La tamburina”) che ripercorre la “guerra fredda” tra ebrei e palestinesi e i conseguenti attacchi terroristici perpetrati in Europa. Uno scenario oggi, più che di finzione, molto realistico.

Il romanzo è stato adattato la prima volta nel 1984 in un film con protagonista Diane Keaton. Oggi la BBC ne ha tratto una miniserie di sei puntate, di cui le prime due sono state presentate in anteprima alla Festa del cinema di Roma.

Sin dai primi minuti entriamo in un mondo fatto di sotterfugi, di spionaggio, di piani progettati il più meticolosamente possibile. Il candidato all’Oscar, Michael Shannon è Martin Kurtz, una spia israelita che orchestra piani brillanti. La sua crociata è quella di fermare una famiglia di terroristi palestinesi: il capo è Khalil e insieme ai suoi tre fratelli piazzano bombe in Europa per uccidere più israeliti possibili.

Tutto questo succede al morire degli anni ’70 mentre Charlie, un’attrice alle prime armi, recita in piccoli spettacoli in pub inglesi. Charlie però è anche un’estremista di sinistra, scoperta ad ascoltare uno dei fratelli mentre cercava nuovi seguaci.
Per questo, Kurtz offre a Charlie il ruolo da protagonista nel “teatro del reale”. Sarà istruita e accompagnata da Becker (il vincitore del Golden Globe, Alexander Skarsgård), una misteriosa e affascinante spia.

La serie ha tutti i presupposti per essere il piccolo gioiello della stagione; basato sull’opera di uno dei più grandi romanzieri inglesi, dagli stessi produttori di “The Night Manager” e con un cast stellare, “The Little Drummer Girl” è inoltre diretta dal visionario Park Chan-Wook.
Il regista offre un’iniziale carrellata di luoghi e fatti che può sembrare disorientante, ma che converge nell’architettura del piano di Kurtz.
Non ci sono telefoni, internet o qualsiasi tecnologia che oggi ci permette di trovare terroristi o di anticipare le loro mosse. Ci sono solo vecchi obiettivi che fungono da telecamere di sorveglianza, obiettivi che devono essere manovrati da qualcuno appostato alla finestra di fronte. Ci sono ancora i vecchi rapimenti, ma non alla solita maniera. E soprattutto ci sono degli inganni che richiedono performance da Oscar.

La fotografia e la scenografia permettono di fare un paragone molto realistico tra televisione e cinema; le scene girate al Partenone, in Grecia, sono quelle più visivamente appaganti dei primi due episodi. I dettagli arricchiscono ogni scena e rendono credibile l’ambientazione. I colori freddi e bui della Germania si scontrano con l’assolata Grecia, ma soprattutto con i vestiti che Charlie (la Florence Pugh di “Lady Macbeth”) deve indossare per la sua parte, di colori sgargianti e di un gusto retrò che oggigiorno piace sempre di più. Alcune inquadrature soddisfano gli amanti delle linee e delle forme geometriche, ma lo fanno come se si trattasse di un quadro di arte contemporanea.

Il primo episodio della serie andrà in onda sulla BBC il 28 ottobre, mentre in America a novembre. Per quanto riguarda l’Italia non si hanno ancora notizie per una possibile distribuzione. Nonostante le prime critiche considerino “The Night Manager” come un adattamento più efficace, “The Little Drummer girl” si presenta come uno dei prodotti televisivi di genere thriller più interessanti della stagione e di sicuro gli amanti del genere non ne saranno delusi.

Di seguito potrete vedere il trailer originale della serie:

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close