Usa Oro Basket Uomini a Rio 2016: Serbia battuta 96-66

Usa Oro Basket Uomini a Rio 2016: Serbia battuta 96-66

Gli Stati Uniti vestono i panni da Dream Team ed umiliano un impotente Serbia. Troppo superiore lo strapotere fisico degli statunitensi, inoltre i serbi pagano la giornata no al tiro.

Tutti ci saremo aspettati una vittoria degli Stati Uniti contro la Serbia, ma nessuno (probabimente) si sarebbe aspettato ben 30 punti di distacco. La partita è terminata sul 96 66 a fovore degli statunitensi e probabilmente il distacco sarebbe stato ben superiore, se nel 4^ quarto gli Usa non si sarebbero limitati a fare accademia.

Il coach degli Stati Uniti, Mike Krzyzewski si è dimostrato un grande stratega offuscando alla Serbia la sua stella più splendente, nonchè la sua luce, ci riferiamo ovviamente a Miloš Teodosić, il quale in questa finale olimpica non è riuscito ad illuminare la sua squadra.

1^ quarto: Questo è l’unico quarto di gioco ad essere combattuto infatti gli Stati Uniti lo chiudono in vantaggio di soli 4 punti sul 19 14.

2^ quarto: Gli statunitensi, vestono i panni del Dream Team, aumentano il loro agonismo, pressano con ardore gli avversari e lottano su ogni pallone. Il quarto finisce 32 a 14 per gli Stati Uniti. Ora il punteggio è 52 a 29 per gli Usa.

3^ quato: Questo quarto è molto simile al quarto precedente con gli Stati Uniti che lo vincono 27 a 14. Alla fine di questo quarto di gioco gli statunitensi conducono per 79 43 e praticamente la partita finisce qui.

4^ quarto: Gli Stati Uniti non badono più al sodo, ma cercano lo spettacolo e pertanto questo quarto lo vince la Serbia per 23 a 17, ma ormai la partita erà gia finita da tempo. Gli Stati Uniti si laureano (per l’ennesima volta) campioni olimpici col  risultato di 96 a 66; mentre questo per la Serbia è il primo argento olimpico della sua storia.

Leggi anche:

Usa Oro Basket Femminile: Spagna battuta 101-72 (Rio 2016)

Sognatore per antonomasia, ritiene che la verità vada ricercata e non creduta per sentito dire. Appassionato di testi antichi i quali ritiene vadano letti per ciò che raccontano, senza volerne alterare il significato, con figure retoriche inesistenti, per veicolare una verità che non esiste. Poeta spesso malinconico. Ama definirsi "Destista"