Risultati gara MotoGp Austin 2016: Marquez vince

MotoGp Austin Live Qualifiche diretta streaming gratis su Rojadirecta 9 Aprile 2016

La MotoGP è pronta ad affrontare il GP di Austin, terzo appuntamento stagionale del 2016. La gara si preannuncia davvero interessante dopo un week-end dominato in lungo e largo da Marc Marquez. In questa pagina potrete seguire la diretta live giro per giro del GP di Austin della MotoGP, che avrà il via alle ore 21.00.

Proprio Marc Marquez partirà in pole davanti a Jorge Lorenzo e Valentino Rossi. Lo spagnolo della Honda sarà un osso durissimo, quindi i due centauri della Yamaha non dovranno lasciarselo sfuggire per evitare la fuga già nei primi giri. Le Ducati partono leggermente indietro, con Dovizioso e Iannone rispettivamente 6° e 7°, ma cercheranno subito di riportarsi nelle posizioni che contano.

PER AGGIORNARE LA PAGINA PREMERE “F5”

PARTITI! Partono benissimo Rossi e Marquez, con lo spagnolo davanti a tutti. In lotta Lorenzo e Dovizioso, grande partenza per il ducatista.

GIRO 2: Alla fine del primo giro Dovizioso è negli scarichi di Marquez, con Lorenzo 3°. Perde terreno Rossi, che scende addirittura 6° dietro ad A.Espargaro e Dani Pedrosa. Lorenzo è leggermente più staccato a fine giro, con Dovizioso e Marquez che continuano a battagliare a suon di sorpassi e controsorpassi.

GIRO 3: CADE ROSSI! Il pilota di Tavullia cade, la sua Yamaha oggi sembrava non averne. Forse qualche problema per lui. Continuano gli altri con posizioni invariate! Davvero peccato per Rossi, che è sembrato non essere al 100% fin dai primi metri.

GIRO 4: Lorenzo si riavvicina a Dovizioso, ma il motore della GP15 è nettamente migliore, difficile superare le Ducati sul dritto! Marquez prova la fuga! Pedrosa è 4° davanti ad A.Espargaro, Iannone, Redding, Vinales, Crutchlow e Smith.

GIRO 5: Lorenzo supera Dovizioso nella prima parte del giro, mentre Marquez tenta ufficialmente la fuga andando 7 decimi più forte a giro. Lorenzo rompe gli indugi forse per evitare che il 93 scappi via, ma dietro di lui si forma un terzetto interessante al quale si unisce un ottimo Pedrosa. Iannone 5°.

GIRO 6: SCONTRO PEDROSA – DOVIZIOSO! Scontro spaventoso alla curva 1 del 6° giro tra Pedrosa e Dovizioso: lo spagnolo va lunghissimo e travolge il ducatista, che fatica a rialzarsi. A questo punto Lorenzo è 2° in solitaria.

GIRO 7: Marquez e Lorenzo fanno due gare a sé, mentre la doppia caduta fa salire Iannone al 3° posto e A.Espargaro al 4°.

GIRO 8: ALTRA DOPPIA CADUTA! Protagonisti stavolta Crutchlow e Smith, con una dimanica molto simile a quella di Pedrosa e Dovizioso. OK i piloti!

GIRO 10: Posizioni invariate nei primi 3: 1° Marquez, 2° Lorenzo, 3° Iannone. Lotta tra le due Suzuki per la 4a piazza: Vinales attacca A.Espargaro. 6° Redding, 7° P.Espargaro.

GIRO 11: Vinales supera A.Espargaro con una bella manovra alla curva 1, ma la lotta continua. In top ten momentaneamente anche l’Aprilia di Stefan Bradl. Nelle prime posizioni tutto invariato, con Marquez che fa il giro record: 2’04″682.

GIRO 12: Aumenta il vantaggio di Marquez, che vola verso la vittoria. Il vantaggio su Lorenzo supera ormai i 5″. Salda anche la posizione di Iannone, che ha 5″ di vantaggio sulle due Suzuki. PEDROSA AI BOX: Probabilmente l’incidente con Dovizioso ha avuto i suoi effetti sulla moto.

GIRO 13: Le prime 3 posizioni sembrano ormai consolidate. Vinales 4°, sta invece staccando il compagno di team. Redding 6°, P.Espargaro 7°, Barbera 8°, Pirro 9° e Bradò 10°. Anche Pirro in top ten!

GIRO 14: Pedrosa va subito a chiarirsi con Dovizioso al box Ducati. Il forlivese capisce benissimo, tra i due il rapporto è stato sempre ottimo. In gara invece posizioni sempre congelate, Marquez si avvicina a grandi passi alla vittoria! Sale in 11a posizione anche la seconda Aprilia di Bautista.

GIRO 16: Marquez aumenta il suo vantaggio fino a 6″ e mezzo. La lotta così si sposta nelle retrovie, con Pirro che supera Barbera ed è 8°, mentre alle spalle dello spagnolo arriva l’Aprilia di Bradl.

GIRO 17: La gara sembra ormai su un binario ben preciso, le posizioni del podio sono granitiche, solo un colpo di scena potrebbe rimescolare le carte in tavola. Crutchlow e Smith, protagonisti del secondo doppio incidente della giornata, navigano invece nelle ultime due posizioni della graduatoria dietro a Loris Baz.

GIRO 18: -4 alla fine, ricapitoliamo le prime 10 posizioni in un momento di calma piatta: 1° Marquez, 2° Lorenzo, 3° Iannone, 4° Vinales, 5° A.Espargaro, 6° Redding, 7° P.Espargaro, 8° Pirro, 9° Barbera, 10° Bradl.

GIRO 19: -3 alla fine. Marquez ha ormai un’eternità di vantaggio su Lorenzo. Per il resto nulla di rilevante in pista, gli unici piloti in lotta sono Laverty e Rabat, rispettivamente in 12a e 13a posizione.

INIZIA L’ ULTIMO GIRO! Marquez è a pochi km dal traguardo, ormai nulla può togliergli la vittoria. Lorenzo e Iannone si rassegnano alla 2a e 3a piazza di giornata. Nulla di nuovo anche nelle altre posizioni della top-ten.

MARQUEZ VINCE! Vittoria per lo spagnolo della Honda, che rafforza la sua leadership in campionato. Dietro di lui Lorenzo 2°, Iannone 3°, Vinales 4°, A.Espargaro 5°, Redding 6°, P.Espargaro 7°, Pirro 8°, Barbera 9 e Bradl 10°. Peccato per le assenze eccellenti di Rossi, Dovizioso e Pedrosa, con loro in pista sarebbe stata indubbiamente una gara più spettacolare nella zona podio.

Ottima prestazione delle Suzuki, che collezionano una “doppietta” di prestigio. Ottima anche la prestazione di un Michele Pirro in crescita e delle due Aprilia, che prendono altri punti preziosi con la 10a posizione di Bradl e l’11a di Bautista.

Ecco posizione e distacchi della top-ten:

1 93 M. MARQUEZ 43:57.945
2 99 J. LORENZO     +6.107
3 29 A. IANNONE     +10.947
4 25 M. VIÑALES      +18.422
5 41 A. ESPARGARO +20.711
6 45 S. REDDING      +28.961
7 44 P. ESPARGARO +32.112
8 51 M. PIRRO           +32.757
9 8 H. BARBERA       +34.592
10 6 S. BRADL           +40.211

Nata l'11 dicembre 1990 a Catania e laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi della città etnea. Ho iniziato a scrivere un po' per gioco nel 2012. La mia materia prima è il calcio, occhio però... più che i tacchetti preferisco indossare il tacco 12! Adoro la musica e mi diletto ad armeggiare tra i fornelli. Il mio piatto forte? Chiedetelo ai "miei" assaggiatori...