#PrayForLondon, su Twitter la solidarietà per l’attentato di Londra

Londra spari davanti al Parlamento: 12 feriti

Corre su Twitter la solidarietà per l’attentato di Londra di oggi. L’hashtag, manco a dirlo, è #PrayForLondon che, in pochi minuti, entra tra le tendenze social e invade le bacheche anche di Facebook. L’attentato di oggi a Westminster ha ancora una volta scosso le coscienze: l’attacco terroristico colpisce al cuore la democrazia occidentale (ad un anno esatto dagli attentati di Bruxelles).

Intanto arriva la ferma condanna delle principali istituzioni internazionali: il Presidente Mattarella, nella settimana delle celebrazioni dei Trattati di Roma, invia un messaggio ufficiale alla Regina Elisabetta. Negli altri paesi, intanto, i livelli di allerta restano altissimi: il timore è che il gesto non sia un atto isolato ma elemento di una strategia ben definita.

Mistero anche sul responsabile dell’attentato di Londra. In un primo momento si era parlato di Abu Izzadeen, poi la secca smentita. Il cittadino britannico, già noto alle forze di polizia inglesi per i rapporti con organizzazioni di matrice islamica, sarebbe ancora in carcere. Lo rivela Channel 4.


Pubblicato da Massimo Esposito

Napoletano di nascita e cilentano d'adozione, è appassionato di letteratura sportiva e del Calcio Napoli. Nasce economista per svista con la grande necessità di comunicare e di trasmettere. Di condividere e di parlarne. Il tempo libero è dedicato alle sue grandi passioni, tra cui i cani. Massimo Esposito su Twitter

Capannone Abusivo su Fiumi a Berbenno: Servizio Le Iene Luigi Pelazza 22 marzo 2017

Capannone Abusivo su Fiumi a Berbenno: Servizio Le Iene Luigi Pelazza 22 marzo 2017

Twitter difende il copyright sui Tweet altrui

Terrorismo Islamico, Twitter sospende 637mila account per legami con l’ISIS