Televisione

Amadeus conduttore di Sanremo: “Sarà il Festival di tutti”

Amadeus condurrà il prossimo Festival di Sanremo a febbraio. Ecco le prime dichiarazioni del conduttore dopo l'ufficialità.

Sanremo 2020 festeggia il 70esimo compleanno e la conduzione di questa importantissima edizione che andra in onda dal 4 all’ 8 febbraio, è stata affidata ad Amadeus un volto amato e noto nella case di tutti gli italiani ma soprattutto un esperto di musica, motivo per il quale farà anche da direttore artistico.

L’annuncio della RAI è arrivato pochi minuti fa. Con una nota, la dirigenza di Viale Mazzini fa sapere che sarà: “Un Festival di Sanremo all’insegna della coralità e della celebrazione, un Festival con sorprese, un Festival nel segno della storia della Rai che vedrà impegnata l’intera l’azienda. Sarà questo Sanremo 70, un ambizioso evento multipiattaforma ideato e costruito dalla Rai che culminerà con le 5 serate al Teatro Ariston.”

Quindi, la settantesima edizione del Festival di Sanremo è dunque pronta a stupire il suo pubblico con notevoli novità, a partire dal suo padrone di casa, Amadeus appunto, che però, non sarà da solo.

Ecco, infatti,  – continua il comunicato RAI – “Assieme a lui, nel corso delle 5 serate, volti che hanno costruito la storia del Festival, per un racconto che si intreccerà con quello di compagni di viaggio di Amadeus, sorprese e un DopoFestival che sarà costruito all’insegna dell’innovazione”. Dunque sul palco di Sanremo, accanto al conduttore, si daranno il cambio cinque volti noti e storici del mondo del Festival italiano atteso tutto l’anno. I nomi, però, non sono ancora stati svelati.

Per Amadeus, che ha avuto una carriera fatta di brutte cadute e clamorose riprese, è la consacrazione meritata. C’è stato un momento in cui ha pensato che fosse tutto finito. Nel 2006 lasciò la Rai per Mediaset, sedotto da una grossa offerta. “Fui lusingato: andavo a guadagnare di più, mi offrivano tre anni di contratto, potevo tornare a Milano dove stava mia figlia.Tutto perfetto”. Ma il flop era dietro l’angolo. “I tre anni di preserale si fermarono a pochi mesi. Sono rimasto fermo per due anni e ho rischiato che la mia carriera fosse al capolinea. Nessuno mi dava da lavorare, nessuno mi chiamava, non avevo più offerte, ero passato dall’essere uno che faceva picchi di ascolto a uno a cui non squillava il telefono. Sbagliai io ad accettare quella proposta, ma a quel punto avevo due strade: o mi disperavo o ripartivo da zero”.

Poi si è rimboccato le maniche e ha iniziato una seconda gavetta. Riparta dal “basso”, con Mezzogiorno in Famiglia. “È stata più affascinante della prima che era capitata in età logica: a 45 anni hai una consapevolezza diversa, non sei neanche sicuro che le cose vadano bene, ma sono sempre stato tranquillo e fiducioso”. Conduce Capodanni, prime serate, preserali. Macina un successo dietro l’altro, ma anche simpatiche gaffe.

Nelle scorse giornate sul profilo Instagram di Amadeus è stata pubblicata una foto dei due amici e colleghi Amadeus e Fiorello, sorridenti e complici. “Di cosa staranno parlando.?!”, è stata la didascalia che ha accompagnato l’immagine domanda a cui è arrivata pronta la  risposta di Fiorello. “Si parla di Sanremo”, ha replicato lui  in una storia Instagram. Lui che anche poco prima del suo spettacolo al Forte Arena di Santa Margherita di Pula, come si legge sul ‘Corriere della Sera’, aveva detto: “In prima fila stasera ci sarà il presentatore del prossimo Sanremo, ovvero Amadeus”.

 

 

Tag

Antonio Caporaso

Antonio Caporaso è nato a Salerno, vive a Portici. Laureato in Giurisprudenza, è fotoreporter dal 1990. Insieme con Jacopo Naddeo, dal 2016 ha costituito un laboratorio per le arti fotografiche in Pellezzano (Sa). Ha partecipato a numerose mostre e concorsi fotografici. Scrive libri e collabora con alcune riviste e case editrici nazionali.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close