Angelus Papa Francesco oggi 3 Dicembre: “Fare attenzione e Vigilare”

Papa Francesco durante l'Angelus parla del tempo di Avvento e ringrazia le popolazioni del Myanmar e del Bangladesh.

Angelus Papa Francesco

Alle ore 12:00 di stamane, il Santo Padre Papa Francesco  appena tornato dal viaggio in Bangladesh si è affacciato dalla finestra del palazzo apostolico per celebrare l’Angelus domenicale con i fedeli riuniti in Piazza San Pietro. Oggi è una giornata importante poiché comincia il Tempo di Avvento, tempo forte e periodo che anticipa il Natale. Al termine dell’Angelus, il Pontefice ha poi continuato ringraziando tutta la popolazione del Myanmar e del Bangladesh.

Candele di Avvento.

Avvento, tempo di attesa

Oggi domenica 3 dicembre, per i cristiani cattolici è un giorno importante poiché comincia quel periodo che culminerà con il Natale. Ma cos’è il Tempo di Avvento ? Papa Francesco stamani nella sua catechesi ha così affermato: “L’Avvento è il tempo che ci è dato per accogliere il Signore che ci viene incontro, per verificare il nostro desiderio di Dio, per guardare avanti e prepararci al ritorno di Cristo. Egli ritornerà a noi nella festa del Natale, quando faremo memoria della sua venuta storica nell’umiltà della condizione umana; ma viene dentro di noi ogni volta che siamo disposti a riceverlo, e verrà di nuovo alla fine dei tempi per «giudicare i vivi e i morti”.

Attenzione e Veglia

Il vangelo di oggi, Marco13,33-37, risulta essere una esortazione a non “dormire” ma a “vegliare” poiché il Regno di Dio potrebbe giungere in qualunque momento. Persona che fa attenzione, Persona Vigilante. Chi sono nello specifico queste due persone ? Papa Francesco ne da una spiegazione.

  • La “Persona che fa attenzione” è colei: “che, nel rumore del mondo, non si lascia travolgere dalla distrazione o dalla superficialità, ma vive in maniera piena e consapevole, con una preoccupazione rivolta anzitutto agli altri. Con questo atteggiamento ci rendiamo conto delle lacrime e delle necessità del prossimo e possiamo coglierne anche le capacità e le qualità umane e spirituali”.
  • La “Persona Vigilante” è invece colei che: “accoglie l’invito a vegliare, cioè a non lasciarsi sopraffare dal sonno dello scoraggiamento, della mancanza di speranza, della delusione; e nello stesso tempo respinge la sollecitazione delle tante vanità di cui trabocca il mondo e dietro alle quali, a volte, si sacrificano tempo e serenità personale e familiare”.

In ultima analisi, fare attenzione ed essere attenti, vuol dire: “permettere a Dio di irrompere nella nostra esistenza, per restituirle significato e valore con la sua presenza piena di bontà e di tenerezza”.

Il ritorno dal Bangladesh

Al termine della preghiera mariana dell’Angelus, il Pontefice ha salutato come di consueto tutti i presenti in Piazza San Pietro. Un ringraziamento particolare altresì è andato alle popolazioni del Myanmar e del Bangladesh al rientro da queste terre che hanno accolto il Pontefice per quasi una settimana: “Ringrazio tutti coloro che mi hanno accompagnato con la preghiera, e invito ad unirsi al mio rendimento di grazie al Signore, che mi ha concesso di incontrare quelle popolazioni, in particolare le comunità cattoliche, e di essere edificato dalla loro testimonianza. E’ impresso in me il ricordo di tanti volti provati dalla vita, ma nobili e sorridenti. Li porto tutti nel cuore e nella preghiera”.