Bat acquista Reynolds: nasce il colosso del tabacco

Decreto anti-fumo: nuove regole dal governo italiano

Sembra oramai a un passo la fusione tra Bat (British American Tobacco) e la Reynolds American e, di fatto, la nascita di un nuovo colosso del tabacco. Alla fine l’offerta totale della società con sede a Londra è salita fino a sfiorare i 50 miliardi di euro, convincendo la Reynolds a cedere.

La trattativa era in corso da svariato tempo, ma non si era trovato un accordo poiché gli acquirenti offrivano appena $24 cash più titoli per ogni azione della Reynolds. A far decollare la trattativa è stato l’incremento della parte in contanti dell’offerta che, vista anche la svalutazione delle azioni Bat, ha definitivamente messo d’accordo tutti.

Nicandro Durante, ceo di Bat, ha così commentato l’accordo:“Siamo molto contenti di aver raggiunto un accordo siamo azionisti di Reynolds dal 2004 ed abbiamo beneficiato dei successi del management tra cui l’acquisizione di Lorillard che abbiamo sostenuto con un nostro investimento nel 2015”.

Trai principali marchi facenti capo alla British American Tobacco ci sono Lucky StrikeRothmans e Pall Mall, mentre la Reynolds controlla il celebre marchio Camel. Questa fusione propizia la nascita di un colosso del tabacco che probabilmente prenderà il controllo dell’intero mercato, strizzando un occhio anche alle sigarette elettroniche che, in questo settore, rappresentano il futuro.