Carnevale Napoli 2016 : Il boss delle cerimonie diventa un costume

Carnevale Napoli 2016 : Il boss delle cerimonie diventa un costume

La festività più divertente dell’anno è alle porte e i coriandoli non sono l’unico elemento di festa per la città di Napoli. Ogni anno prendono piede nuove mode e tendenze, maschere sfavillanti e colorate sfilano per la città e richiamano l’attenzione dei curiosi. Se l’anno scorso la novità, soprattutto per i più piccoli, era stata la maschera e il travestimento di Peppa Pig e per le femminucce più vanitose il vestitino dell’idol del momento, Violetta, con tanto di accessori colorati e microfono con strass, quest’anno il nuovo costume di Carnevale 2016 è davvero sorprendente.

Si tratta, infatti, del vestitino del boss delle cerimonie, esclusivamente per bambini. Camicia vistosa, croce con strass e una giacca scura di velluto blu o viola e, per finire, il fiore all’occhiello, il cameo in bella mostra sul bavero della giacca, con un Rolex dorato (giocattolo) e opportuni occhiali silver. Come non notare un bambino per strada travestito dal boss delle cerimonie?

Napoli non si smentisce mai. In poche ore la notizia ha fatto il giro del web e molti sono alla ricerca del simpatico e sgargiante costume. Don Antonio Polese, titolare del ristorante da cerimonia La Sonrisa a Sant’Antonio Abate, protagonista indiscusso del reality che va in onda su Realtime, Il Boss delle Cerimonie, è il protagonista di questo Carnevale. A Napoli e dintorni il wedding boss non è soltanto una realtà televisiva ma è diventato uno modello di tendenza per “i matrimoni napoletani” in stile pomposo, dove l’eccesso e lo sfarzo regnano abbondantemente.  Di sicuro non sarà una sorpresa se il costume sarà accompagnato da un vestito da sposa da indossare a Carnevale.

LEGGI ANCHE:

Carnevale di Venezia 2016: Date eventi e programma completo

Laureanda in Letterature Moderne Comparate per il Corso di Laurea in Filologia Moderna, ho diversi anni di esperienza presso testate giornalistiche online, blog culturali e magazine. Mi occupo di serie tv, cinema, letteratura e credo che la cultura l'unica strada che ci può rendere migliori. Ho scelto la scrittura come forma d'arte per cambiare il mondo