Concerto 1° maggio 2017 a Napoli: in Piazza Dante oltre 50 artisti

Per il concerto 1° maggio 2017 in Piazza Dante, a Napoli, artisti, scrittori e presentatori che manifesteranno per il "No al razzismo"

Concerto 1° maggio 2017 a Napoli. Anche la città partenopea ha deciso di commemorare la Festa dei Lavoratori svolgendo un maxi concerto in una delle piazze centrali cittadine. Piazza Dante vedrà esibirsi diversi cantanti e cantautori del sud come i 99 Posse, Bennato e molti altri.

Concerto 1° maggio 2017 a Napoli: cantanti e scrittori

Piazza Dante, nei pressi del centro storico della città, ospiterà circa 50 musicisti presentati da Gianni Simioli con Peppe Iodice, Paolo Caiazzo, Cecilia Donadio e Francesco Paoloantoni. Tra i musicisti, oltre ai suddetti 99 posse e Bennato, anche Enzo Gragnaniello, Jovine, Ciccio Merolla, Daniele Sepe, i Foja, Maldestro e Franco Ricciardi tra i più noti. Tuttavia ci saranno anche tanti altri artisti non napoletani che per l’occasione arriveranno anche dal Mali e dalla Spagna. Interverranno anche scrittori come Maurizio de Giovanni, Luca Delgano, Rosario Dello Iacovo, Pino Imperatore, Antonella Cilento o Gianluca Calvino.

Ci saranno dunque letture, canzoni e dialoghi per poter manifestare assieme all’intera cittadina il proprio orgoglio meridionale antirazzista. In aggiunta, tutti gli artisti che hanno deciso di partecipare, non hanno chiesto compenso. Il motivo sta proprio nei temi che il raduno “Raduno dei terroni” vuole portare avanti. Il concerto, a titolo gratuito, comincerà alle ore 14 e si concluderà a mezzanotte.

Edoardo, Eugenio e Giorgio Bennato, nuovo singolo "Domani": Video e Testo

Concerto 1° maggio 2017 a Napoli: il “Raduno dei terroni”

La città partenopea ha deciso di istituire il concerto del 1° maggio anche basandosi sul “Raduno dei terroni” svoltosi a Pontida lo scorso 22 aprile. Tale raduno era stato pianificato per dire “Basta Lega”, uno degli slogan, e per “liberare il nord e l’Italia intera dalla morsa razzista imposta dal Carroccio”, come spiegato da Marta Canino, promotrice dell’iniziativa. L’organizzazione, nata dopo la visita di marzo di Matteo Salvini a Napoli. Svoltosi a Procida, come prima tappa, il raduno vuole quindi porre fine al razzismo tra nord e sud Italia. Un ulteriore terza tappa del raduno sarà istituita presto a Lampedusa. Mentre anche il sindaco de Magistris ha annunciato di voler ripetere l’evento ancora “nella capitale del Mezzogiorno”, per solidarietà e antirazzismo.

Condividi
Ho 26 anni, studio all'Università e scrivere è la mia passione più grande."Chi di voi vorrà fare il giornalista, si ricordi di scegliere il proprio padrone: il lettore". (Indro Montanelli)