Dimissioni Marino, data elezioni amministrative Roma

Sindaco Marino, Temple University:

Ignazio Marino ha rassegnato le dimissioni ufficiali dalla carica di sindaco di Roma, non tanto per volere suo, quanto per l’appoggio ormai scarso, anzi nullo della sua giunta e in particolare di tutti gli assessori del PD, pronti a fare un passo indietro dopo le molte polemiche che negli ultimi mesi hanno travolto il Campidoglio verso un escalation inarrestabile di notizie poco gratificanti.

L’iter politico in questo caso, prevede dei tempi prefissati prima di tornare al voto: per iniziare va ricordato che le dimissioni del sindaco diventano efficaci e irrevocabili solo, trascorsi 20 giorni dalla loro presentazione al Consiglio comunale. Dopo questi 20 giorni viene disposto anche lo scioglimento definitivo del Consiglio Comunale. Nei 20 giorni, il Consiglio Comunale, sindaco compreso, ha solo obblighi di ordinaria amministrazione e non può intraprendere nessuna nuova delibera.

il Prefetto nomina dopo i 20 giorni, un Commissario Prefettizio, che resterà in carica fino alla conclusione del procedimento di scioglimento che termina, con decreto del presidente della Repubblica, su proposta del Ministro dell’Interno, entro e non oltre 90 giorni. Entro 90 giorni, verrà nominato un commissario straordinario, sempre con decreto del presidente della Repubblica e su proposta del Viminale. I poteri del commissario straordinario saranno complessivamente, tutti quelli del Consiglio, della Giunta e del sindaco.

Le elezioni amministrative che porteranno al rinnovo della giunta comunale e alla scelta del nuovo sindaco di Roma, si terranno solo alla prima sessione di votazioni utile, ovvero nella primavera 2016. Per Roma si preannuncia un inverno di fuoco, senza certezze ma con tanti, troppi problemi.

Leggi anche 

Laureanda in Letterature Moderne Comparate per il Corso di Laurea in Filologia Moderna, ho diversi anni di esperienza presso testate giornalistiche online, blog culturali e magazine. Mi occupo di serie tv, cinema, letteratura e credo che la cultura l'unica strada che ci può rendere migliori. Ho scelto la scrittura come forma d'arte per cambiare il mondo