Dolce&Gabbana Cina: spot sessista, annullata la sfilata

Hackerato il profilo Instagram della Maison e di Stefano Gabbana

Dolce&Gabbana Cina

La casa di moda italiana Dolce & Gabbana è stata costretta ad annullare la sfilata prevista in Cina a seguito di accuse di sessismo e razzismo.

Dolce&Gabbana Cina: il video sessista

Il fashion show degli stilisti italiani avrebbe dovuto avere luogo all’Expo Centre di Shanghai, in Cina. Per promuovere l’evento attraverso i social, la Maison ha condiviso negli ultimi giorni alcuni spot sul proprio account Instagram.
I video erano stati creati ad hoc per promuovere questo incontro tra Cina e Italia. Tuttavia, uno di questi non è piaciuto ai cinesi, che lo hanno trovato sessista e volgare. Nella clip in oggetto, si vede una ragazza orientale intenta a mangiare un cannolo siciliano con le bacchette. Questo era il secondo episodio di una trilogia. Negli altri due, la stessa modella, munita di chopstick, si cimentava con una pizza e un piatto di spaghetti.

Nella Repubblica Popolare Cinese queste immagini sono state recepite come offensive e sgradevoli. Sono state interpretate come uno stereotipo di genere inaccettabile.

Dolce&Gabbana Cina: gli insulti razzisti

A seguito della polemica suscitata dal video di Instagram, molte celebrità invitate all’evento, e che avevano confermato la loro presenza, hanno fatto dietrofront.
Ma ad aggiungere altra benzina al fuoco sono stati alcuno post comparsi sull’account personale di Stefano Gabbana e poi su quello ufficiale della casa di moda. In queste immagini, si offendeva apertamente il popolo cinese. A nulla sono valse le spiegazioni da parte dei designer, i quali hanno annunciato l’ hackeraggio dei loro profili.

View this post on Instagram

My Instagram account has been hacked. My legal office is working on this. I love China and the Chinese Culture. I’m so sorry for what happened.

A post shared by stefanogabbana (@stefanogabbana) on

L’unica scelta possibile per far fronte a questa bufera, è stata la cancellazione dello show, ad oggi da riprogrammare.
A seguito dell’annullamento della sfilata, Domenico Dolce e Stefano Gabbana, sempre tramite i social, hanno dicharato:

“Il nostro sogno era quello di portare a Shangai un evento tributo dedicato alla Cina, che raccontasse la nostra storia e la nostra visione.”

Il 56enne di Milano e il 60enne siciliano hanno proseguito sottolineando il loro rammarico per quanto accaduto, soprattutto per l’immensa organizzazione dietro questa sfilata:

“Non era una semplice filata ma qualcosa che avevamo creato appositamente con amore e passione per la Cina e per tutte le persone nel mondo che amano Dolce&Gabbana.
Ciò che è accaduto oggi è stato molto spiacevole non solo per noi, ma anche per le persone che hanno lavorato notte e giorno per realizzare questo evento.
Dal profondo del nostro cuore, vorremmo esprimere la nostra gratitudine ai nostri amici e ospiti. Domenico Dolce e Stefano Gabbana”