Politica

Elezioni Regionali Campania 2020: Date, Candidati e Sondaggi

Il 20 e 21 settembre si voterà in Campania per le elezioni regionali. Ecco quali sono i candidati e cosa c'è da aspettarsi da questa tornata elettorale.

Le elezioni regionali in Campania saranno ”recuperate” il 20 e 21 settembre. Il favorito per la vittoria sembra essere il presidente uscente De Luca ma andiamo a scoprire i candidati e i sondaggi relativi a queste importanti elezioni.

Con l’emergenza Coronavirus un po’ più lontana, molte Regioni italiane sono pronte ad andare alle urne per rinnovare i loro consigli regionali. Tra queste c’è la Campania che in questi drammatici mesi di lockdown ha saputo difendersi dalla pandemia e ha visto il suo presidente Vincenzo De Luca divenire famoso in tutta Italia per le sue esternazioni pittoresche.

Quando si vota per le regionali in Campania?

Le elezioni regionali 2020 in Campania si terranno il 20 e il 21 settembre nonostante le resistenze del presidente uscente De Luca che, sull’onda lunga del clamore mediatico creatosi attorno a lui, avrebbe preferito tornare al voto prima della fine dell’estate. Le date non sono ancora ufficiali ma per molti risulta sconveniente chiamare i cittadini al voto in piena estate dopo il lungo periodo di chiusura e, per evitare numeri relativi all’astensionismo troppo elevati, si è deciderà di optare per settembre.

Chi sono i candidati in Campania?

I candidati delle due principali coalizioni alle regionali 2020 in Campania saranno quasi sicuramente Vincenzo De Luca e Stefano Caldoro. Il presidente uscente, come detto, ha guadagnato un certo consenso durante l’emergenza e, pertanto, il Partito Democratico difficilmente si farà sfuggire l’occasione di sostenerlo anche se la sua candidatura con ogni probabilità renderà impossibile un’alleanza regionale con il Movimento 5 Stelle.

Elezioni Regionali Campania: 5 Motivi per non Votare né Caldoro né De Luca

Anche il Centrodestra sembra aver trovato finalmente un candidato unitario: infatti, dopo lunghe contrattazioni, sembrerebbe che anche la Lega si sia decisa a sostenere il forzista Stefano Caldoro nella sua corsa verso il ritorno alla guida della Regione dopo la sconfitta di cinque anni fa proprio contro Vincenzo De Luca.

L’accordo sembra essere giunto dopo che la Lega aveva minacciato di presentare un suo candidato autonomo, minaccia poi rientrata da parte del partito di Salvini che deve aver considerato troppo rischiosa una sfida del genere in un territorio ancora abbastanza ostile. La convergenza sul nome di Caldoro non risolve però tutti i dissidi all’interno della coalizione con una Lega intenzionata a mettere bocca sulle candidature anche degli alleati.

Il Movimento 5 Stelle con ogni probabilità correrà alle prossime elezioni regionali in Campania presentando come candidata presidente Valeria Ciarambino, volto noto del Movimento in Campania e già avversaria di Caldoro e De Luca nel 2015. Prima dell’emergenza si era paventata l’ipotesi di una possibile riproposizione dell’alleanza di Governo anche in Regione ma la scelta del Partito Democratico di sostenere la ricandidatura di De Luca ha reso impossibile l’accordo e adesso i grillini sembrano destinati a un ruolo di ”terzo incomodo” nella corsa alla presidenza della Regione, ruolo in cui potrebbero essere indirettamente ago della bilancia di questa tornata elettorale.

In  campo per questa tornata elettorale anche Sergio Angrisano che correrà per la presidenza della Regione Campania sostenuto dal Terzo Polo, dalla Confederazione Movimenti Identitari e Movimento Verde.

Regionali in Campania 2020: la legge elettorale

La legge elettorale di queste elezioni regionali in Campania nel 2020 prevede un sistema proporzionale a turno unico con un premio di maggioranza che assegna il 60% dei seggi alla lista con il maggior numero di voti. In sostanza non ci sarà alcun ballottaggio e il candidato che otterrà anche solo un voto in più degli avversari di fatto governerà la Regione per i prossimi cinque anni.

I consiglieri saranno eletti sulla base delle liste circoscrizionali provinciali. Ci sarà ovviamente la possibilità di esprimere fino a due preferenze, una a un uomo e una a una donna, e sarà consentito il voto disgiunto quindi si potrà votare per il candidato presidente di una lista e poi esprimere la preferenza per un consigliere candidato in un’altra lista.

Elezioni Regionali in Campania: i sondaggi

Gli ultimi sondaggi relativi alle elezioni regionali in Campania 2020 danno Vincenzo De Luca in netto vantaggio su tutti gli avversari. Secondo le rilevazioni del 25 giugno dell’Istituto Noto, il presidente uscente, grazie al suo 45%, godrebbe di un vantaggio di circa sei punti percentuali sul candidato di Centrodestra Caldoro che si assesterebbe intorno al 39% dei consensi. La candidata del Movimento 5 Stelle Valeria Ciarrambino è data al 13%.

È evidente che la pandemia avrà senz’altro influito sulle intenzioni di voto, rafforzando magari la posizione del presidente uscente che, come detto, avrebbe voluto votare il prima possibile per provare a capitalizzare la notorietà raggiunta grazie alle sue proverbiali dirette Facebook durante il periodo del lockdown.

Staremo a vedere se il passare dell’estate e l’allontanarsi del ricordo dell’epidemia di Coronavirus smonterà la forza attrattiva dell’ex sindaco di Salerno che, al momento, è considerato da tutti il favorito numero uno per la vittoria di queste elezioni regionali 2020 in Campania.

Tag

Emanuele Terracciano

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.
Back to top button
Close
Close