Facebook Messenger, crittografia end-to-end nelle conversazioni?

Facebook, le foto del profilo protette dal diritto d'autore

Anche Facebook sta introducendo, all’interno della propria applicazione di messaggistica, la possibilità di crittografare “end-to-end” i messaggi senza la posibilità che questi vengano letti da chiunque sia posto in mezzo tra il mittente ed il destinatario.

Come già fatto a maggio scorso su Whatsapp, altra importante applicazione di messaggistica di proprietà di Facebook, l’azienda californiana sta testando questa funzionalità su un gruppo di utenti in attesa di lanciarla a livello globale. A differenza di Whatsapp, però, gli utenti avranno la possibilità di scegliere se applicare o no la crittografia alle proprie conversazioni. Un’altra particolarità sarà, come avviene attialmente all’interno dell’altrettanto famosa applicazione Telegram, il poter scegliere di fare autodistruggere un messaggio dopo un certo periodo di tempo, senza che questo venga salvato sui server dell’azienza, garantendo alle proprie conversazioni il massimo della riservatezza.

Facebook, all’interno del proprio blog, giustifica questa scelta dicendo “Ci avete riferito che ci sono delle situazioni in cui desiderate ulteriori garanzie, per esempio quando le informazioni sono più private, come nel caso di malattie , di un problema di salute di amici o familiari, oppure nel caso in cui si scambino informazioni finanziarie”.