Loredana Bertè Intervista shock: “Violentata da ragazza”

Nell'intervista rilasciata a Domenica Live, Loredana Bertè confessa: "Sono stata violentata da ragazza"

Loredana Bertè si è raccontata ieri a Domenica Live e, nel corso dell’intervista rilasciata a Barbara D’Urso di cui è possibile rivedere il video sul sito mediaset.it, ha fatto una confessione shock sul suo passato: “Sono stata violentata a 17 anni”. Un episodio che di certo ha condizionato la sua vita, già segnata dalla convivenza con un padre violento, e il suo rapporto con gli uomini.

Domenica Live, Loredana Berté racconta la violenza subita

Non nasconde nessun particolare Loredana Bertè che denuncia, davanti alle telecamere di Domenica Live, la violenza di cui è stata vittima da ragazza: “C’era un ragazzo che mi corteggiava, mi mandava sempre mazzi di rose rosse e, convinta dalle mia amiche, mi decisi a uscire con lui. Mi è venuto a prendere con la sua Ferrari e – prosegue la cantante mi ha portato in un bilocale a Torino. Dopo aver chiuso la porta, mi ha preso a calci e pugni. Mi ha violentata. Sono riuscita a divincolarmi e andare in strada, mi ha soccorso un tassista. Ero piena di sangue”. 

Una violenza, quella subita da Loredana Bertè da ragazza, che la donna all’epoca non confessò a nessuno, nemmeno alla madre perché: “Mi avrebbero picchiata. A mia madre non importava nulla di me, sono andata al suo funerale per vederla seppellire”. Un rapporto difficile quello della Berté con i genitori e in particolar modo con il padre un uomo violento: “Mi ha picchiato quando, morta Mimì, gli ho detto: ‘Cosa le hai fatto?’ Picchiava tutti, mia sorella, mia madre. Abbiamo visto tutti i lividi che aveva Mia”.

Loredana Bertè, nuovo singolo "Sei bellissima" con Alessandra Amoroso: Audio e Testo

Loredana Bertè e il ricordo di Mia Martini

L’unica sua famiglia era per l’appunto la sorella Mia Martini che Loredana Bertè ricorda con grande amore e con tanti sensi di colpa: “Se avessi fatto meno viaggi, forse lei adesso sarebbe ancora viva. Mi voleva sempre regalare un telefonino, ma io non l’ho mai voluto. Se lo avessi preso, sarebbe ancora qui. Sento ancora la sua voce addosso”.