Attualità

Migranti, Morte 23 Donne a Salerno

Tragedia a Salerno, da poche ore è attraccata al porto la nave spagnola Cantabria. L’imbarcazione trasportava oltre 400 migranti salvati da naufragio di cui restituiti ventisei senza vita. Tutte donne che non hanno resistito alla durissima traversata nel Canale di Sicilia.

A bordo anche ventuno bambini e nove donne incinte. I giudici di Salerno adesso stanno valutando anche di aprire un fascicolo per omicidio. In queste ore, infatti, i magistrati potrebbero predisporre autopsie sui cadaveri per capirne di più sulle cause che hanno portato alla tragedia. Non si esclude alcuna pista.

Traghetto Tirrenia Cagliari-Napoli, assaltato dai Migranti: viaggiatori derubati 1

La tragedia era già annunciata da ieri pomeriggio quando l’equipaggio della nave spagnola aveva comunicato delle operazioni di salvataggio. Da settembre, infatti, la Spagna è subentrata all’Italia nel cordinamento Mediterraneo. Sembra, poi, che gli scafisti abbiano ripreso le operazioni nel Mediterraneo. Nonostante i numeri non siano paragonabili a quelli di quest’estate, oltre 5900 sbarchi sarebbero avvenuti nel mese di Ottobre. 1500 solo negli ultimi giorni. Starà al Viminale spiegare cosa abbia rotto la “Tregua Mediterranea”.

Sbarco di Salerno, Prefetto: “Tragedia dell’Umanità”

Parole forti e di dolore da parte del Prefetto di Salerno Salvatore Malfi: “Oggi Salerno si prepara con uno spirito diverso rispetto agli altri sbarchi – queste le parole del Prefetto – Abbiamo già avuto altri morti, ma su questa nave sarà tutto più complicato, anche come impatto morale”. Viene ribadito l’impegno a collaborare con la giustizia per far luce sull’ennesima tragedia, mesi dopo il periodo nero estivo: “Siamo ancor di più in stretta collaborazione con la Procura della Repubblica perché i ventisei corpi potrebbero essere ventisei omicidi.

Già nella giornata di ieri un summit tra Comune di Salerno e comuni della provincia ha trovato soluzioni per accogliere sia i migranti che le salme. Per fortuna nessun migrante presentava seri problemi di salute. I viaggiatori saranno divisi tra Campania, in maggior numero, Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto e Lazio.

Tag

Matteo Squillante

Napoletano di nascita, attualmente vivo a Roma. Giornalista pubblicista, mi definisco idealista e sognatore studente di Storia e Culture Globali presso l'Università di Roma Tor Vergata. Osservatore silenzioso e spesso pedante della società attuale. Scrivo di ciò che mi interessa: principalmente politica, cinema e temi sociali.
Back to top button
Close
Close