Paolo Villaggio, l’Ultimo Film “W gli sposi”

L'ultimo lavoro da attore di Paolo Villaggio è "W gli sposi", film che sarà nelle sale cinematografiche a fine 2017.

“W gli sposi” è un film di Valerio Zanoli che uscirà a fine anno e che vede l’ultima partecipazione di Paolo Villaggio. Un Paolo Villaggio irresistibile nei panni di una specie di Professor Kranz, versione nuova e corretta, burbero, ma bravo psicologo. Accanto a lui hanno recitato Corinne Clery, Gianfranco D’Angelo, Iva Zanicchi, Carlo Pistarino, Giulio Berruti, Lando Buzzanca, Marisa Laurito.

Una commedia corale girata tra Atlanta, Georgia, Usa e Roma. “W gli sposi” rappresenta il testamento attoriale che ha lasciato il comico genovese da pochi giorni scomparso. Il film dovrebbe partecipare al Festival di Roma o Venezia. Nonostante la malattia Paolo Villaggio ci ha tenuto tantissimo a portare a termine questo film e alla fine delle riprese ha anche lasciato una sua formula per la felicità che ha commosso tutto il cast.

La trama di W gli sposi

“W gli sposi” racconta la storia di Maria (Zanicchi) e di suo cognato Mario (Pistarino) che da Milano vanno negli Usa per il matrimonio del figlio di lei. Maria è una supercafona arricchita perché aveva sposato un nobile e che ora commercia in polenta. Negli Usa i due si scontrano con le abitudini e i modi di fare di una comunità rurale che loro snobbano. Maria incontra la consuocera Marisa Laurito che gestisce un ristorante di cucina partenopea. La convivenza con lei non si rivela facilissima. “W gli sposi” è una commedia di buoni sentimenti con una trama accattivante. Paolo Villaggio ha interpretato questo strampalato psicologo dalla capigliatura eccentrica e con un forte accento tedesco, un po’ un nuovo Professor Kranz 2.0. Lui aiuta i protagonisti a capire le scelte che il figlio di lei ha fatto. Intorno a Maria e Mario girano anche un prete giovane (Berruti), un reverendo (Buzzanca) e una suora (Clery).

Una commedia che unisce alle risate anche buoni sentimenti e mette a confronto ricchi con poveri, usanze italiane e americane, usanze del sud con il nord Italia, creando un mix di contrasti ed esagerazioni molto divertenti. Lo stesso personaggio di Paolo Villaggio è decisamente sopra le righe, come solo lui sapeva rendere “unici” i suoi surreali personaggi. La grande compositrice Loriana Lana, già autrice per Mina, Ennio Morricone, Amii Stewart, tanto per citarne alcuni, ha composto due temi musicali per il film che richiamano le atmosfere jazz e melodiche di Paolo Conte. Grande è stata la sua commozione quando ha saputo della scomparsa di Paolo Villaggio. La colonna sonora completa è di Di Bona e Sangiovanni e quella aggiuntiva è di Davide Rizzatti.

Condividi
Sono Daniela Merola, giornalista, blogger, scrittrice e presentatrice eventi culturali, sono ufficio stampa di librincircolo.it e ricominciodailibri.it, sono socia della libreria iocisto. Sono appassionata di spettacolo, teatro e editoria, amo il calcio e il tennis. La comunicazione è la mia forza, mi piace mettermi alla prova con le presentazioni e la recitazione.