Attualità

Papa Francesco a Pietralcina e San Giovanni Rotondo: “Tutti amano Padre Pio,ma quanti lo Imitano?”

Oggi 17 marzo 2018, Papa Francesco si è recato in visita pastorale a Pietralcina e San Giovanni Rotondo. La visita del Santo Padre, avviene in una giornata importante per quella piccola porzione del territorio pugliese, poichè avviene nel 50/mo anniversario della morte e nel centenario della comparsa delle “stimmate” a Padre Pio. Nel corso della visita, Papa Francesco si è recato nei luoghi simbolo della vita del santo, accolto da una miriade di fedeli che attendevano con ansia il suo arrivo.

San Giovanni Rotondo

Intorno alle ore 9.30, l’elicottero con a bordo il Santo Padre Francesco, proveniente da Pietrelcina, è atterrato nel campo sportivo “Antonio Massa” di San Giovanni Rotondo. Qui, il pontefice è stato accolto dall’Arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, S.E. Mons. Michele Castoro, e dal Sindaco di San Giovanni Rotondo, Dott. Costanzo Cascatella. Ed è qui che intorno alle ore 10:00, il Santo Padre si è recato presso la Casa Sollievo della Sofferenza, l’ospedale voluto da Padre Pio. Durante la visita, Papa Francesco, ha portato la sua preghiera e le sue carezze ai bambini degenti nel reparto di Oncoematologia Pediatrica, al terzo piano.

Infine, prima di celebrare la messa, il Santo Padre ha incontrato i frati cappuccini del convento ed è qui che si è soffermato a venerare il corpo di Padre Pio e il Crocifisso delle Stimmate.

L’omelia

Dopo le visite e gli incontri, alle ore 11.15, sul Sagrato della Chiesa di San Pio, ha avuto luogo la Concelebrazione Eucaristica. Durante l’omelia, Papa Francesco ha voluto sottolineare 3 parole, che risuonano come una sorta di eredità: “preghiera, piccolezza, sapienza”.

  • Preghiera: “Se vogliamo imitare Gesù, iniziamo anche noi da dove cominciava Lui, cioè dalla preghiera”.
  • Piccolezza: “Dio cerca il contatto con tutti, ma chi si fa grande crea un’enorme interferenza: quando si è pieni di sé, non c’è posto per Dio. Perciò Egli predilige i piccoli, si rivela a loro, e la via per incontrarlo è quella di abbassarsi, di rimpicciolirsi dentro, di riconoscersi bisognosi”.
  • Sapienza: “L’unica arma sapiente e invincibile è la carità animata dalla fede, perché ha il potere di disarmare le forze del male”.

Queste tre “eredità”, secondo Papa Francesco, sono riconducibili a Padre Pio. A tal proposito, Papa Francesco ha voluto ricordare la figura del santo di Pietralcina, sottolineando che: “San Pio ha combattuto il male per tutta la vita e l’ha combattuto sapientemente, come il Signore: con l’umiltà, con l’obbedienza, con la croce, offrendo il dolore per amore”. Tutti sono ammirati da Padre Pio ma, ha chiesto Papa Francesco: “Tanti parlano bene, ma quanti imitano?”. E così infine ha concluso: “Molti sono disposti a mettere un “mi piace” sulla pagina dei grandi santi, ma chi fa come loro? Perché la vita cristiana non è un “mi piace”, ma un “mi dono”. La vita profuma quando è offerta in dono; diventa insipida quando è tenuta per sé”.

Tag

Giovanni Azzara

Studente in Teologia, appassionato di tutto ciò che riguarda la storia, in particolare quella della Chiesa e anche di giornalismo. Sognatore e visionario, speaker radiofonico e amante dell'arte in generale. Il mio sogno ? Diventare vaticanista! Twitter: @Azzarag91
Back to top button
Close
Close