Musica

“Senza farlo apposta”: Testo e Significato della Canzone di Federica Carta e Shade a Sanremo 2019

“Senza farlo apposta” è la canzone che Federica Carta e Shade presenteranno alla 69esima edizione di Sanremo quando saliranno per la prima volta martedì prossimo, 5 febbraio 2019, sul palco dello Spettacolo della Canzone. Gli artisti parteciperanno alla kermesse duettando come nel successo precedente “Irraggiungibile”. Il testo è stato reso noto martedì scorso, 29 gennaio 2019, sul settimanale Tv, Sorrisi e Canzoni.

 

“Senza farlo apposta”

 

A volte dirsi ti amo

È più finto di un «dai ci sentiamo»

Ho il tuo numero ma non ti chiamo

A te fa bene, a me fa strano

Che parli con me ma non sono qui

 

E non ci credo ai tuoi «fidati»

Prima facevi monologhi

Ora parli a monosillabi

E ti sei messa quei tacchi

 

Per ballare sopra al mio cuore

Da quando hai buttato le Barbie

Per giocare con le persone

Dicono che non capisci il valore

 

Di qualcuno fino a quando non l’hai perso

Tu non capiresti lo stesso

Quindi non dirlo nemmeno per scherzo

 

E scusa ma, non me ne importa

E sono qua, un’altra volta

Ci finisco sempre senza farlo apposta

Aspetto ancora una risposta

 

E scusa ma, non me ne importa

E sono qua, un’altra volta

Ci finisco sempre senza farlo apposta

 

Passavo a prendermi la colpa

E ti ho detto ti amo

Non eri il regalo che immaginavo

Noi piano piano ci roviniamo

Dammi il mio panico quotidiano

 

Quando ti vedo con gli altri

Tu non sai quanto vorrei essere via

Sei troppo bella per essere vera

Ma anche troppo bella per essere mia

E io ho finito l’autonomia

Per sopportare ogni tua bugia

Se avessi modo dentro la testa

 

Cancellerei la cronologia

E non so quanto sbagliato sia

Fingere di essere un bravo attore

È ora che io me ne vada via

Scomparirò in un soffio al cuore

 

E scusa ma, non me ne importa

E sono qua, un’altra volta

Ci finisco sempre senza farlo apposta

Aspetto ancora una risposta

E scusa ma, non me ne importa

 

E sono qua, un’altra volta

Ci finisco sempre senza farlo apposta

Passavo a prendermi la colpa

Scusa ma, non ci riesco mi hai lasciato un po’ di te

Ma hai preso tutto il resto

 

E sono qui stasera, ancora un’altra volta

Che c’è la luna piena, ma tu hai la luna storta

E scusa ma, non me ne importa

E sono qua, un’altra volta

 

Ci finisco sempre senza farlo apposta

 

Aspetto ancora una risposta

E scusa ma, non me ne importa

E sono qua, un’altra volta

Ci finisco sempre senza farlo apposta

Passavo a prendermi la colpa

Laura Tarallo

Laureata in Criminologia, mi appassiona la cultura in ogni sua forma: la letteratura, l'arte, la scrittura, la musica, i videogames, la scienza, la cucina, il fitness, la fotografia e il cinema.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close