Viaggi

Vacanze Estive 2021, dove andare dopo il Covid

L'estate 2021 fa capolino, ecco dove andare "dopo il Covid": le scelte da fare per le vacanze estive

Probabilmente gli italiani hanno già interiorizzato l’idea che le vacanze estive, anche nel 2021, potrebbero essere il primo vero momento di libertà dopo il COVID: ecco perché l’idea su dove andare dopo il coronavirus è così importante

Le vacanze estive sono alle porte e quello potrebbe essere, davvero, il primo momento di libertà per il 2021. Dopo il Covid, così come successo anche nel 2020, proprio l’estate potrebbe rappresentare il momento di svolta o, almeno, una pausa dalle restrizione dovute alla pandemia. Quest’anno godremo anche del vantaggio di poter evitare gli errori del passato, probabilmente di quelli che, al rientro dalle vacanze, hanno fatto ripiombare l’Italia nel buio. Ecco perché per le vacanze estive 2021 potrebbe essere un bene restare in Italia; nella speciale classifica figurano quindi

  1. Italia
  2. Spagna
  3. Grecia
  4. Croazia
  5. Francia

Le previsioni confermano per le vacanze 2021 quanto accaduto per l’estate 2020. L’Italia dovrebbe confermarsi meta più ambito e, a seguire, Spagna e Grecia che restano ancora in cima alle preferenze degli italiani. Le cautele resteranno probabilmente le stesse di quelle che stiamo vivendo in questi giorni: mascherina, distanziamento e lavaggio delle mani. Eppure bisognerà necessariamente proiettarsi in qualcosa di più leggero, verso l’idea di qualche giorno di relax in cui staccare davvero la spina.

Meno appetibili restano le mete lontano dall’Europa: se le condizioni dovessero restare quelle che stiamo vivendo, è altamente improbabile poter programmare, almeno non ora, un viaggio in paesi extraeuropei. Resterà inoltre da verificare cosa ci sarà consentito fare e quali saranno le mete che potremo raggiungere, anche per evitare eventuali quarantene al rientro.

Vacanze estive 2021, perché converrebbe restare in Italia

Sarebbe auspicabile che per le vacanze estive 2021 gli italiani puntassero sul Belpaese. E non solo per ragioni sanitarie (si eviterebbe magari quanto accaduto con i viaggi in Grecia nel 2020) o economici (si aiuterebbe il settore turistico almeno a sopravvivere). Programmare le vacanze estive in Italia potrebbe consentirci di non correre troppi rischi, soprattutto a causa delle possibilità legate al repentino cambiamento delle decisioni degli stati, e di vivere ciò che ci siamo persi nell’ultimo anno.

Non sarebbe per esempio da escludere un viaggio nelle principali città d’arte italiane, nei borghi del Centro Italia o sulle spiagge in Sardegna, Puglia, Calabria e Campania.

Tag
Back to top button
Close
Close