Cronaca

Vincenzo De Luca rinviato a giudizio per falso in atto pubblico

Si scuote nuovamente la politica. Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, è stato rinviato a giudizio

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, è stato rinviato a giudizio assieme ad altre 26 persone (fra politici e tecnici) per una variante in corso d’opera costata ben 8 milioni di euro.

De Luca è accusato di falso in atto pubblico nell’ambito dell’inchiesta sui lavori di piazza della Libertà. Insieme al presidente della Regione Campania, sono stati mandati a giudizio altre 26 persone, tra cui i componenti della giunta comunale di Salerno nel 2010, imprenditori e tecnici comunali.

Piazza Libertà, opera di riqualificazione urbanistica nella zona di Santa Teresa dal valore di 8 milioni di euro, era considerata il fiore all’occhiello della giunta De Luca. A insospettire i pm fu una variante costruita, secondo De Luca e gli altri imputati, a causa di un: “imprevisto geologico emerso in corso d’opera”. In pratica una falda acquifera era risultata essere più alta del previsto, tanto da impedire il proseguimento dei lavori nella zona della spiaggia di Santa Teresa. Secondo la procura di Salerno, invece, la variante è stata fatta per mettersi al ripar da un errore di progettazione. Stando alle tesi degli investigatori, il costo di questo errore è stato addebitato ai contribuenti.

Leggi anche—>Finanziamenti Luci d’Artista Salerno, De Luca sotto accusa

Tag

Raffaele Ciriello

Sognatore per antonomasia, ritiene che la verità vada ricercata e non creduta per sentito dire. Appassionato di testi antichi i quali ritiene vadano letti per ciò che raccontano, senza volerne alterare il significato, con figure retoriche inesistenti, per veicolare una verità che non esiste. Poeta spesso malinconico. Ama definirsi "Destista"
Back to top button
Close
Close