Tecnologia

Google chiude google plus: esposti i dati di 500mila utenti

Ormai è certo: Google plus a breve chiuderà i battenti. La versione del social dedicata al grande pubblico sparirà, mentre quella riservata alle aziende rimarrà online.

Il social network, lanciato nel 2011 da Mountain view per contrastare Facebook, è risultato il più grande fallimento della controllata di Alphabet.

Google plus chiude: inchiesta del Wall street journal

L’annuncio della chiusura di Google plus non è giunto in modo esattamente spontaneo. È stato infatti il Wall Street Journal a raccontare per primo della vulnerabilità in Google Plus. Un’inchiesta del Wall Street Journal ha infatti rivelato che l’azienda di Mountain View ha nascosto agli utenti un bug nel proprio software che per tre anni ha messo a rischio i dati di circa 500mila iscritti alla piattaforma. Incidente che Google ha evitato, fino ad oggi, di rendere noto, per non rischiare un pericoloso danno d’immagine. Un sistema simile a quello dello scandalo Cambridge Analytica, dunque, quando sarebbero stati sfruttati i dati personali di oltre 50 milioni di utenti di Facebook al fine di ottimizzare al massimo la portata della propaganda politica della campagna Trump in occasione delle ultime elezioni Usa.

Nato come una rete sociale gratuita nel 2011, Google+ verrà chiuso nell’arco dei prossimi 10 mesi visto che il 90% degli iscritti ci trascorre meno di 5 secondi per sessione, ha spiegato il gruppo.

 

Tag

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close